“Spider-Man: No Way Home” batte tutti. A Reggio sono stati 145.308 i biglietti venduti

In un mercato fortemente condizionato dalla pandemia, la nostra città si piazza al 27esimo posto in Italia per gli incassi

REGGIO EMILIA. In un mercato fortemente condizionato dall’emergenza sanitaria, che ha imposto la chiusura delle sale per quattro mesi (da inizio gennaio a fine aprile) e il cui nuovo aggravarsi ha avuto un impatto nefasto sui risultati di box office durante le festività di fine anno, in Italia nel 2021 i cinema hanno registrato un incasso complessivo di circa 170 milioni di euro per un numero di presenze pari a 25 milioni di biglietti venduti. Si tratta di un risultato leggermente inferiore a quello del 2020 (-7% incassi e -11% presenze) e di un decremento del 71% degli incassi e del 73% delle presenze rispetto alla media del triennio 2017-2018-2019.

È necessario ricordare che le sale quest’anno hanno potuto riaprire solamente a partire dal 26 aprile, in un contesto di sostanziali restrizioni all’accesso come il “coprifuoco” e il distanziamento in sala, sino all’introduzione del “green pass” ad agosto, del “super green pass” e delle ulteriori norme introdotte a ridosso delle festività natalizie.


I tre film che in generale hanno registrato il migliore risultato di incasso al box office sono stati “Spider-Man: No Way Home” (oltre 19 milioni di euro d’incasso), “Eternals” (8.4 milioni e “No Time To Die” (8 milioni. I tre film italiani che hanno incassato di più sono invece “Me contro Te – il mistero della scuola incantata” (5 milioni di euro), “Come un gatto in tangenziale-ritorno a Coccia di Morto” (3.2 milioni) e “Freaks Out” (2.6 milioni). Durante l’anno sono stati infine distribuiti più di 430 nuovi titoli, un dato anche questo in linea con la media di circa 415-420 titoli per lo stesso periodo del triennio 2017-2019.

Ma veniamo alla situazione registrata nella nostra città dove nel 2020 risultavano chiuse due monosale – Jolly e Cristallo – mentre nel 2021 troviamo la riapertura di una monosala – il Cristallo che ha fortunatamente riaperto a fine novembre – e la ripresa di attività dal 26 aprile per Rosebud, Alcorso, Olimpia e Uci Cinemas.

La nostra città si è posizionata al 27 posto a livello nazionale con 1.064 milioni e 145.308 biglietti venduti (con un decremento del 70% rispetto il 2019 sugli incassi e del 64% sugli spettatori rispetto al 2019 e un incremento del 7,2% rispetto il 2020 sugli incassi e del 3,5% sugli spettatori sempre rispetto al 2020). Ricordiamo che nel 2020 le sale sono rimaste chiuse per circa sei mesi mentre nel 2021 sono state chiuse per quattro mesi.

I film più visti nella nostra città li riportiamo nella tabella. Nel box office non troviamo alcuni titoli Netflix che non sono stati comunicati dagli esercenti per obblighi contrattuali ma che hanno portato una buona fetta di pubblico al cinema: stiamo parlando in particolare di “È stata la mano di Dio” di Sorrentino che nella nostra città è stato visto da tantissime persone.

Come riportato nella tabella i film maggiormente visti sono quelli che hanno riportato un maggior incasso anche a livello nazionale: “Spiderman - No way home”, “Enternals e Venon: La furia di Carnage” seguiti da “Dune” e “No Time to die”. I primi film d’essai li troviamo al 13° posto “Nomadland”, al 15° posto “The French Dispatch” di Wes Anderson, al 23° posto “Madre Parallelas” di Almodovar, al 30° posto “The father” e al 38° posto “Tre piani” di Nanni Moretti.

Come sarà il 2022? La misurazione dei risultati di un settore durante una fase così complicata, specialmente in un comparto come quello cinematografico tra i più colpiti dallo scenario pandemico, richiede molta attenzione nell’interpretazione dei dati: sono numeri che segnalano la gravità e lo stress economico e sociale subito dalle sale e dalle distribuzioni cinematografiche, ma che al tempo stesso sottolineano la vitalità e la capacità di reagire dell’intera filiera che oltre contro la pandemia deve combattere il fiorire di piattaforme streaming e togliere tanti spettatori dai divani di casa che così comodi non sono. I film al cinema sono più belli… È così chiaro e semplice il concetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA