Sonia Ganassi & C. Prestigiosi docenti del “Peri-Merulo” in Cattedrale a Reggio Emilia

“In attesa” propone un programma ricco e raffinato Da Vivaldi a Saint-Saëns passando da Berlioz e Jolivet 

REGGIOE MILIA. S’intitola “In attesa” il concerto natalizio di questa sera (martedì 21 dicembre) ore 21 in Cattedrale e si caratterizza per presentare un programma inusuale ma ricco e raffinato. Protagonisti sono alcuni docenti dell’Istituto Musicale “Peri-Merulo”: in primis Sonia Ganassi che canta dopo il successo ottenuto al teatro Valli in Werther; quindi Giovanni Mareggini e Giovanni Florio flauti, Corrado Barbieri fagotto, Davide Burani arpa. «Differentemente dal passato, diversi sono gli appuntamenti musicali natalizi che si tengono quest’anno in Cattedrale che continua a ospitare momenti di ascolto (come veri e propri concerti ad esempio il concerto dell’8 dicembre in San Prospero con la Kronungmesse di Mozart o come meditazioni musicali come avverrà il prossimo del 26 dicembre con l’appuntamento pomeridiano di Risonanze della Parola). Lo ritengo un fatto culturalmente rilevante – spiega Giovanni Mareggini –. Da più parti si avverte la necessità che in ambito ecclesiale ci sia attenzione maggiore alla musica con proposte significativa, bene, la diocesi di Reggio, l’ufficio liturgico, l’Ente Cattedrale hanno dato quest’anno una risposta ricca e di alto livello».

Oltre ai solisti, questa sera si esibiranno gli allievi della classe di canto di Sonia Ganassi: i soprani Elena Busni, Serena Fazio, Isabella Gilli, Angelica Milito, i mezzosoprani: Giulia Boni, Loredana Ferrante, i tenori Wang Weixiang, Fu Xiang, i baritoni Danilo Cosa, Yifu Zeng. «A questo proposito – prosegue Mareggini – ritengo sia qualificante il fatto che i docenti lavorino insieme mettano in comune le proprie competenze e la propria amicizia (in questo caso) dando spazio anche ai giovani talenti che certamente non mancano all’interno della scuola. Un ringraziamento va a Marco Fiorini direttore del Peri che ha fortemente sostenuto questa iniziativa. Il programma proposto è un programma di musica sacra incentrato sul Natale ma che vedrà l’esecuzione di brani poco eseguiti e di grande interesse musicale e musicologico. I brani strumentali sono tutti originali per la formazione due flauti fagotto arpa, mentre le elaborazioni dei pezzi con la voce sono stati affidati alle abilità di Ciro Chiapponi. La musica francese sarà un po’ il motivo dominante di questo concerto: Saint-Saens, Jolivet, Vivaldi (Chedeville)-Adam, Berlioz suggeriranno un modo di raccontare la natività in musica di grande raffinatezza e (in alcuni casi) con qualche spunto esotico orientaleggiante, molto diverso dalle nenie pastorali del repertorio italiano».


Ecco il programma nel dettaglio: di Vivaldi Pastorale in fa maggiore dalla Sonata op. 13 num. 4 per flauto fagotto e arpa e Trio in sol minore RV 103 per due flauti e fagotto; Rutter Angel’s Carol per mezzosoprano, coro ed ensemble: Berlioz Trio “exécute par les jeunnes Ismaélites” pour deux Flûtes et Harpe da L’Enfance du Christ op. 25; di Saint-Saëns Expectans expectavi Dominum - Aria dal’ Oratorio de Noël op 12 per mezzosoprano ed ensemble; Jolivet Pastorales de Noël per flauto fagotto e arpa e L’ Étoile - Les Mages - La Vierge et l’Enfant - Entrée et Danse des Bergers; William Gomez Ave Maria per mezzosoprano ed ensemble; Adam Cantique de Noël per mezzosoprano ed ensemble.

© RIPRODUZIONE RISERVATA