Internazionale Kids approda in città con l’attualità spiegata ai giovani lettori

Dal 17 al 19 settembre nella cornice dei Chiostri di San Pietro si alterneranno giornalisti, illustratori, esperti e musicisti 

REGGIO EMILIA. L’attualità per ragazze e ragazzi con Internazionale Kids a Reggio Emilia, il festival dell’omonimo mensile che spiega a bambine e bambini i grandi temi dell’attualità, pubblicando in italiano i migliori articoli dei giornali di tutto il mondo per giovani lettori tra i 7 e i 13 anni, con corredo di giochi e fumetti.

Sulla scia di Internazionale a Ferrara - il festival di giornalismo della rivista diretta da Giovanni De Mauro, giunto quest’anno alla sua quindicesima edizione - Internazionale Kids a Reggio Emilia sarà una tre giorni (17, 18, 19 settembre) nei Chiostri di San Pietro di scoperte per parlare di razzismo, sport, ambiente, femminismo e molto altro con giornalisti, scrittori, esperti, illustratori e fotografi e attraverso laboratori, incontri, proiezioni fotografiche, spettacoli musicali.


Un format tutto nuovo quello che approda a Reggio Emilia con incontri della durata di 30 minuti pensati proprio per il pubblico più giovane e tanti laboratori per imparare divertendosi.

Il programma è online e dal 1° settembre è possibile prenotarsi agli eventi su internazionale.it/kidsfestival. Tutti gli appuntamenti saranno gratuiti e all’aperto e si svolgeranno nel rispetto delle norme anti-covid vigenti.

Il festival è promosso dal Comune di Reggio Emilia con la Fondazione Palazzo Magnani. L’evento è reso possibile grazie al sostegno di Iren in qualità di sponsor.

Insieme alla redazione di Kids ci saranno tanti ospiti, tra cui la scrittrice Espérance Hakuzwimana Ripanti, che parlerà delle conseguenze del razzismo anche in Italia e racconterà il movimento Black Lives Matter alle più piccole e ai più piccoli, la giornalista Giulia Blasi che porterà sul palco di Reggio Emilia un monologo per spiegare perché dovremmo essere tutti femministi.

A Internazionale Kids arriverà anche lo scrittore Jonathan Bazzi, che parlerà della generazione fluida, Gianumberto Accinelli, entomologo e scrittore che approfondirà la crisi climatica attraverso gli occhi di un’ape.

Non mancherà la musica grazie a un incontro con La Rappresentante di Lista.

E poi incontri e laboratori per stimolare l’esercizio al diritto di protesta e l’attivismo.

Previsto anche un dibattito sugli effetti, positivi e negativi, della Dad destinato ai genitori.

Gli eventi si svolgeranno lungo tutto l’arco della giornata nei chiostri di San Pietro e gli spazi circostanti, in collaborazione con le scuole e con le istituzioni pedagogiche locali.

Ancora una volta a Reggio Emilia «la cultura non starà al suo posto», con la proposta (la prima in Italia) di un festival dedicato a bambine e bambine. Una scelta che nasce dal profondo legame della città con l'educazione e l'infanzia e il continuo impegno nella promozione di temi sociali, con particolare attenzione per le differenze e le fragilità, per una città senza barriere. Il programma completo si può consultare su internazionale.it/kidsfestival.

© RIPRODUZIONE RISERVATA