Un 1° Maggio sul palco con “Il lavoro va in scena”

REGGIO EMILIA. Per celebrare il 1° Maggio, Cgil Cisl e Uil provinciali hanno organizzato e promosso, con la collaborazione di Arci Reggio Emilia e Telereggio, un evento in streaming che domani entrerà nelle case dei reggiani in diretta televisiva dal Circolo Arci il Tunnel di via del Chionso, ma anche attraverso i canali social delle tre organizzazioni sindacali dalle 11 alle 12.30. “Il lavoro va in scena”, questo il titolo con il quale si è voluto declinare a livello locale la Festa dei Lavoratori 2021. I lavoratori saranno, simbolicamente e realmente, al centro della scena. Tutto il mondo del lavoro, ma con un’attenzione e particolare verso i lavoratori precari, i rider, quelli del mondo della cultura e dello spettacolo che solo in questi ultimi giorni hanno intravisto la possibilità di tornare su un palco in presenza. A condurci in questo viaggio l’attore e autore teatrale Carlo Albè con il suo ultimo lavoro: “Stabile precariato 2021” che, attraverso la finzione che la rappresentazione teatrale permette, ci racconterà le storie vere di tutti coloro che quotidianamente lottano per dare dignità al proprio lavoro. La musica non potrà mancare e l’evento sarà inframmezzato dalle incursioni musicali del Reverberi/Bellelli/Medici Trio, che rivisiterà alcuni brani legati alla Resistenza e proporrà brani italiani, internazionali con qualche passaggio dalla musica tradizionale ebraica, il klezmer e del Yatra Project di Jamal Ouassini che ci condurrà in un viaggio dall’India al bacino del Mediterraneo. —

© RIPRODUZIONE RISERVATAcarlo Albè