I concerti della Passione direttamente dalla Certosa

PARMA. Entrano nel vivo i concerti del ciclo “La Passione. Segni che restano”, organizzati da La Toscanini e trasmessi in streaming sui canali social della stessa Fondazione nell’ambito del progetto “Valore Toscanini – la musica necessaria”. Questa sera alle ore 20.30, Enrico Onofri dirigerà la Filarmonica nel contesto della splendida Certosa di Parma con lo “Stabat Mater” di Pergolesi cantato da Carmela Remigio soprano e da Marianna Pizzolato, contralto; mentre domani ne “Le ultime sette parole del nostro Redentore sulla Croce” di Haydn. A leggere i versetti evangelici saranno i rappresentanti di alcune tra le categorie in prima linea nella lotta al Covid o più colpite dalla pandemia. Nove testimoni-simbolo per un compianto che da religioso si fa universale. L’adattamento drammaturgico di questa serata sarà a cura del regista Andrea Chiodi, e interverrà l’attrice Francesca Porrini che leggerà alcuni passi dal testo “Le chemin de la Croix” di Paul Claudel, in un suggestivo contrappunto tra il classicismo di Haydn e la poesia novecentesca. «I concerti vanno letti come un unico grande appuntamento– spiega Alberto Triola, sovrintendente e direttore artistico de La Toscanini –.Il significato probabilmente più evidente del progetto è proprio quello che abbiamo voluto dare al capolavoro di Haydn; ci è sembrato che le vertiginose pagine delle “Sette ultime parole” possano assumere rilievo di un dramma che da sacro diventa civile e universale». I concerti saranno visibili in diretta e poi per un mese a questo link: https://linktr.ee/latoscanini. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA