Reggio Film Festival festeggia i vent’anni con un’edizione intitolata “Changes”

Lanciata la nuova chiamata per la rassegna internazionale. Il direttore artistico Scillitani: «Ci interroghiamo sui mutamenti a 360 gradi» 

REGGIO EMILIA. Il Reggio Film Festival compie vent'anni. La rassegna internazionale di cortometraggi inaugurata nel 2001 ha lanciato la nuova call per l'edizione 2021. Il tema scelto questa volta è “Cambiamenti / Changes”. «Ci interrogheremo su cosa sia mutato, in vent'anni, nel mondo del cinema – spiega Alessandro Scillitani, ideatore e direttore artistico del festival – e poi, certo, sui cambiamenti del nostro mondo: quelli dettati dagli eventi di cui siamo protagonisti e quelli a cui non prestiamo attenzione. Tutto ciò di cui non parliamo più perché il virus occupa completamente le nostre menti, mentre ci sono tante altre storie che meritano di essere messe in luce».

E di cambiamenti, negli ultimi vent'anni, ce ne sono stati parecchi anche all'interno del festival: «Nella prima edizione c'era ancora chi mandava i propri cortometraggi in videocassetta, qualcuno addirittura in pellicola» ricorda Scillitani. «Già l'anno dopo si passava al dvd, mentre oggi riceviamo soltanto file. C'è stata una democratizzazione del linguaggio cinematografico che ha permesso a chiunque di realizzare il proprio film». Nel titolo della ventesima edizione c'è anche una divertita autocitazione: la prima edizione del Reggio Film Festival infatti aveva per tema “Mutazioni”.


«Un gioco nel gioco, riguardare al nostro inizio, per ricordarlo e aggiornarlo» spiega il direttore artistico. «Già solo due anni fa non avremmo mai immaginato di proporre la visione dei cortometraggi online, come abbiamo fatto la scorsa edizione. Invece la pandemia ci ha abituato all’imprevedibile e a nuove modalità di fruizione. Speriamo di tornare in presenza, ma l'obiettivo del festival sarà sempre quello: offrire una selezione di qualità anche ai non addetti ai lavori».

L’edizione numero 20 avrà luogo a Reggio Emilia dal 3 al 7 novembre. Sarà ancora presente, d’intesa con l’Associazione Iniziativa Laica, la sezione speciale “Laicità”. Torneranno, come ogni anno, la sezione “Family” per i cortometraggi dedicati a bambini e famiglie e la sezione “Spazio Libero”, perché i film maker possano esprimere al meglio la propria creatività. Continuerà anche l'attività di formazione, con corsi e workshop per stimolare le opportunità di crescita, e non mancheranno forum, incontri e approfondimenti. Per partecipare all’edizione 2021 del Reggio Film Festival c’è tempo fino al 15 maggio.

I corti iscritti dovranno essere inviati tramite l’indicazione di un link per la visione online, valido almeno fino a novembre 2021. Le opere non in lingua italiana dovranno essere fornite di sottotitoli in inglese o in italiano e/o di una lista dialoghi con timecode. Il comitato organizzatore selezionerà i corti, stabilendo quali ammettere alle manifestazioni e collocandoli a proprio insindacabile giudizio nella sezione ritenuta più adeguata. Si riserva inoltre il diritto di istituire sezioni, premi e serate specifiche per valorizzare tematiche rilevanti e degne di visibilità emerse durante la selezione, come ad esempio l'appartenenza al territorio e altri temi di attualità. Al miglior corto che affronti il tema “Cambiamenti” spetta un premio di mille euro. La partecipazione alla selezione è del tutto gratuita. Info: www.reggiofilmfestival.it/. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA