Offlaga Disco Pax In arrivo la ristampa dell’indimenticabile “Socialismo Tascabile”

Lo storico album verrà venduto in doppio vinile rosso  ma dentro c’è anche il Cd: saranno tirate 800 copie 

Adriano Arati

REGGIO EMILIA. Ancora e sempre prove di “Socialismo tascabile”. In queste settimane le presse delle aziende specializzate in vinile stanno completando la ristampa nel formato più classico – già nel mirino di centinaia di fan, che hanno fatto alzare il numero di copie minime previste – di “Socialismo Tascabile (prove tecniche di trasmissione)”, il disco di esordio dei reggiani Offlaga Disco Pax, uscito nel 2015.


Il lavoro più amato, quello che ospita i brani con cui Max Collini, Daniele Carretti ed Enrico Fontanelli si sono imposti in quello che era il panorama indie dell’epoca, emilianissime storie di politica e privato disegnate da Collini sulle base “retro” dei due compagni.

Un’avventura conclusa amaramente nel 2014 con la morte prematura di Fontanelli, scomparso a 37 anni.

Da allora Collini e Carretti hanno proseguito con altri progetti, curato resoconti e materiale riassuntivo della produzione della band interrompendo però le nuove produzioni.

Sin dalle origini, gli Offlaga Disco Pax hanno sempre realizzato versioni in vinile dei loro lavori, l’edizione a 33 giri del debutto è da tempo esaurita e ora è il momento di una ristampa speciale, uno stiloso doppio vinile rosso che assieme ai brani della scaletta originale aggiunge anche le tre canzoni inedite pubblicate nel 2015, all’interno del cofanetto celebrativo realizzato per il decennale di “Socialismo tascabile”.

Non solo, pure la confezione regalerà sorprese agli appassionati e ai collezionisti: «Nella ristampa troverete inoltre la bellissima locandina del primo tour ufficiale del 2005, il poster con la riproduzione della cartina geografica dell'Emilia Romagna dentro i confini dell'Urss e infine il Cd in versione slim», spiegano. La prima tiratura prevedeva cinquecento copie complessive, ma le tantissime richieste già pervenute hanno alzato la quota a ottocento, e potrebbero esserci ulteriori salti. Chi prenoterà già ora il proprio doppio album potrà usufruire di una tariffa speciale che già comprende le spese di spedizione.

Tutta l’operazione è curata dall’etichetta di distribuzione Audioglobe, che da sempre segue il catalogo degli Offlaga Disco Pax, pubblicato per Santeria. I dettagli si trovano sul portale web di Audioglobe, all’indirizzo www.audioglobe.it.

Gli acquirenti saranno in gran parte persone che già conoscono a memoria i solchi di “Socialismo Tascabile (prove tecniche di trasmissione)”, che vogliono portarsi a casa una ristampa speciale o magari donare il disco a qualche conoscente da convertire alla causa.

Per tutti, sicuramente, sarà un’occasione per gustarsi ancora una volta bozzetti invecchiati benissimo, con la voce declamante del non-cantante Collini a disegnare ambienti, luoghi e usanze che a un reggiano non possono non suonare familiari. A partire dal singolo del decollo, la “Robespierre” che parte dall’infanzia di Collini negli anni ’70 e – fra una madeleine di costume e l’altra – narra della «nostra meravigliosa toponomastica» e di quella Reggio, del quartiere di Collini «dove il Partito Comunista prendeva il 74% e la Democrazia Cristiana il 6%».

I ritratti difficili da dimenticare sono tanti, dall’acidissima dedica a un collega, anche gestore di un negozio di dischi, in “Tono metallico standard”, all’affettuoso inchino alla “Piccola Pietroburgo”, la Cavriago del busto di Lenin, di Orietta Berti, dei circoli socialisti e del cinema-teatro messo insieme coinvolgendo decine di abitanti. Suonavano speciali, quindici anni fa. E lo fanno ancora. In vinile rosso ancora di più. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA