“Il mondo di Oz” un percorso a tappe aspettando la mostra di Olimpia Zagnoli

L’illustratrice reggiana sarà ai Chiostri con “Caleidoscopica”. Tante le iniziative organizzate sia in presenza sia in digitale 

REGGIO EMILIA. In attesa di “Caleidoscopica. Il mondo illustrato di Olimpia Zagnoli” – la mostra dedicata all’artista e illustratrice Olimpia Zagnoli (Reggio Emilia, 1984), la cui apertura è stata rinviata in seguito alla chiusura dei musei – la Fondazione Palazzo Magnani presenta “La strada per Oz”, un viaggio a tappe tra dicembre 2020 e gennaio 2021 alla scoperta del colorato universo dell’artista e delle tante sfaccettature del suo lavoro.

Costruito in stretta collaborazione con Olimpia Zagnoli, “La strada per Oz” è un programma di iniziative tra il fisico e il digitale che guiderà il pubblico attraverso le linee, i colori, le figure, i paesaggi, le geometrie caratteristiche del suo mondo illustrato, accompagnandolo fino all’apertura della mostra ai Chiostri di San Pietro, dove il suo tratto inconfondibile sarà declinato in disegni, stampe, neon, tessuti, sculture in ceramica, legno e plexiglas e oggetti di uso comune.


Passatempo perditempo

Prima tappa di questo percorso è Passatempo Perditempo, un piccolo regalo speciale pensato per bambini e adulti: un disegno in bianco e nero da colorare, realizzato da Olimpia Zagnoli e scelto, nella sua versione colorata, come locandina della mostra, che verrà svelata non appena verrà ufficializzata la nuova data di inaugurazione.

Il disegno è disponibile da oggi sul sito della Fondazione Palazzo Magnani www.palazzomagnani.it, e può essere scaricato e colorato con matite, pennarelli, tempere.

Sculture

La seconda tappa è prevista per sabato 19 dicembre: alle 11,30 verrà svelato “Trio Con Brio”, tre nuove sculture di metallo disegnate da Olimpia Zagnoli per la mostra e realizzate da un artigiano locale.

Con le sue inconfondibili linee sinuose, l’illustratrice ha dato forma a tre figure umane di grande formato, ognuna alta circa 2 metri e mezzo. Ai Chiostri di San Pietro verrà installata una figura con le braccia alzate, come a voler attirare l’attenzione dei passanti che passeggiano sulla via Emilia verso il luogo che ospiterà la mostra; a Palazzo Magnani, sede della Fondazione, verrà posizionato un nudo femminile, soggetto classico, per sottolineare il ruolo dell’istituzione nella diffusione dell’arte in città; alla Polveriera sarà posizionata una figura a testa in giù che simboleggia la possibilità che questo spazio di condivisione e apertura dà di guardare il mondo da diversi e molteplici punti di vista. La Fondazione organizzerà una serie di passeggiate in città per scoprire le sculture di Trio Con Brio.

Gira e rimira

Durante le feste natalizie, la terza tappa sarà Gira e Rimira, un laboratorio da fare in casa dedicato ai bambini dai 7 ai 10 anni: dal 29 dicembre sarà possibile imparare a costruire un caleidoscopio insieme a Olimpia Zagnoli, entrando virtualmente nel suo colorato studio milanese. Insieme a Olimpia i bambini potranno realizzare questo strumento magico da cui prende il titolo la mostra e con cui potranno visitarla.

Risposte scomposte

La quarta tappa si svolgerà lungo tutto il mese di gennaio.

Dal 9 gennaio, ogni dieci giorni, la Fondazione Palazzo Magnani proporrà Risposte Scomposte, incontri digitali in diretta Instagram per conoscere meglio il favoloso mondo dell’artista.

Una serie di brevi talk, in cui l’artista Olimpia Zagnoli dialogherà con creativi e personalità di spicco di ambiti in diretta connessione con il suo: dalle arti visive all’editoria, dalla moda alla didattica, queste conversazioni racconteranno tutta la complessità del suo universo creativo.

Clic

In attesa della mostra, tutti sono invitati a fotografare e a postare su Instagram il loro disegno Passatempo Perditempo, i loro selfie davanti alle sculture e il loro caleidoscopio Gira e Rimira, usando l’hashtag #caleidoscopica: taggando @palazzomagnani le immagini verranno ripostate sui profili social della Fondazione. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA