Tutti i cortometraggi dedicati all’infanzia da vedere per 48 ore

Oggi e domani con la sezione Family un tuffo nel mondo dei più piccoli con titoli francesi, russi e coreani 

REGGIO EMILIA

A pochi giorni dal termine della diciannovesima edizione è in arrivo oggi e domani, in occasione della Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, la sezione Family del Reggio Film Festival, con cortometraggi internazionali, dialoghi e premiazioni.


Alle ore 21 di domani, in diretta streaming su www.reggiofilmfestival.it, incontro con vari autori dei cortometraggi, premiazione dei vincitori e annuncio del tema dell’edizione 2021. Alcune segnalazioni dalla ricchissima programmazione che sarà possibile vedere gratuitamente sul sito reggiofilmfestival.docacasa.it grazie alla collaborazione con l’Associazione Documentaristi dell’Emilia-Romagna.

Arriva dalla Russia il cortometraggio “I sette bambini” di Marina Karpova basata sulla fiaba “Il lupo e i sette capretti”. «La vita può nascere ovunque, la natura si comporta in modo strano e le giornate possono durare minuti» racconta lo spagnolo Cesar Díaz Meléndez a proposito del suo “Muedra”. «Anche se tutto ci è familiare, niente è quello che sembra in questo luogo. Il ciclo della vita visto da una prospettiva diversa». Il francese Benoit Chieux presenterà “Cuore fondente”: «Per condividere il suo “cuore fondente” di cioccolato con la sua amica, Anna deve attraversare una foresta glaciale infestata da un abitante: un terrificante gigante barbuto». “Uccelli colorati” della regista svizzera Oana Lacroix racconta una storia lieve e poetica sulla diversità: «In una grande foresta dove vivono uccellini di un solo colore, tutti hanno trovato un posto in un albero del loro stesso colore. Ma cosa succede quando un uccellino è di due colori?». L’estone Liis Kokk proporrà “Renetta dorata”, storia di un uomo e di un melo in cui gli ostinati tentativi dell'uomo di raggiungere le mele sconvolgono gli equilibri del mondo. «Un enorme marinaio riceve una foglia d'autunno da una bambina. Gli ricorda casa sua. Da quanto tempo non c'è stato? Corre a incontrare i suoi vecchi genitori. Cosa troverà lì?»: è il plot di “Foglia” della ceca Aliona Baranova. Altre domande introducono “Looney Foodz!” dell’italiano Paolo Gaudio: «Cosa succederebbe se il cibo e le bevande che ogni giorno mettiamo in frigo potessero muoversi e parlare?». Arriva dalla Corea del Sud “L’appartamento del sabato” di Jeon Seungbae, dalla Svezia “Elsa e la notte” di Jöns Mellgren e dall’Irlanda “L’uccello e la balena” di Carol Freeman.

Info, visioni e programma dettagliato su www.reggiofilmfestival.it. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA



La guida allo shopping del Gruppo Gedi