Accardo: «Via internet sono sacrificate qualità e emozioni»