Il professor Giulio Ferroni e “L’Italia di Dante”