Trafugato e ritrovato ora il “Busto di Redentore” appartiene ai Musei