Zeo Baldi, l’artista che usa il pettine per le sue sculture

Reggio Emilia, il parrucchiere si racconta: «Da ragazzo volevo fare il meccanico, poi entrai nel negozio di parrucchiera di mia sorella e...»

REGGIO EMILIA. Sognava di fare il meccanico alla Ferrari, invece è diventato un maestro dei capelli. Ha pettinato dive del cinema, concorrenti di Miss Italia ma è contento solo se vede uscire dal suo negozio ogni cliente soddisfatta. Ha fatto sfilate in giro per il mondo, ha aperto la prima accademia per parrucchieri di Reggio e diversi negozi in città. Ma anche oggi, che di anni ne sono passati da quando ha preso in mano forbici e pettine per la prima volta, non sta fermo un attimo: «Presto apriremo un negozio a Dubai» dice, insomma, Zeo Baldi è un fiume in piena. Lo incontriamo nel salone di viale Umberto I insieme al suo braccio destro, il giovane e promettente Benny Mangone.

Lei è uno dei parrucchieri reggiani più famosi. Come ha iniziato?

«Da ragazzo facevo il meccanico e sognavo di lavorare alla Ferrari. Poi, un giorno, mi sono infortunato e sono dovuto stare fermo tre mesi. Mia sorella Zoe aveva un negozio di parrucchieri proprio sotto casa, a Masone. Erano gli anni ’60. E mi disse “perché non mi dai una mano?”. Ho iniziato così e non mi sono più fermato. Mi sono appassionato subito perché ho capito che il capello, pur essendo inanimato, è vivo, cresce. Vedevo poi gente che si pettinava male e tanti mi dicevano che avevo talento».

E dopo poco ha aperto il suo primo salone.

«Nel ’70 in via Toschi, con un solo dipendente. Ma, pur essendo una via principale, decisi di aprire in pienissimo centro, dietro l’Hotel Posta».

Ha aperto poi un’Accademia, una novità per Reggio.

«Erano gli anni Ottanta, avevo appena vinto i campionati regionali singoli e di gruppo per acconciatori. E decisi di fare questo passo con l’aiuto di altri parrucchieri. Ci affiliammo all’Unfaas (Unione nazionale famiglie artistiche acconciatori per signore) e presto la scuola diventò un punto di riferimento».

Ha girato il mondo, ha mai pensato di trasferirsi in una grande città?

«Ho lavorato in Francia, Portogallo, Spagna, America Latina, Dubai come testimone dello stile made in Italy. Però Reggio è Reggio. È la mia città e sto bene qua».

Ha pettinato diversi volti noti. Quali esperienze ricorda con più piacere?

«Per 18 anni sono stato coordinatore del team parrucchieri di Miss Italia, ho avuto modo di pettinare conoscere Alba Parietti, il cast di Beautiful, Alain Delon, Alberto Tomba, Jury Chechi. Sono stato il parrucchiere ufficiale della prima mondiale del film Primo Carnera al Madison Square Garden e ho diretto il backstage alla presentazione del film Barbarossa».

Ora cos. a bolle in pentola?

«In calendario ci sono sfilate in Cina, a Mosca, a Milano, poi il Festival della Commedia di Montecarlo. Vogliamo aprire un negozio a Dubai e, forse, anche un’accademia. Dubai è una delle città più giovani e in fermento al mondo».

Il suo staff è in continua crescita e ora al suo fianco ci sono Benny Mangone e sua figlia, Alessia Baldi.

«Esatto. Pensi che a Montecarlo Claudia Cardinale si voleva far pettinare solo da Benny. Mia figlia mi affianca, gestisce il gruppo di acquisto e le vendite online. Siamo un bel gruppo: senza di loro e senza i miei collaboratori e collaboratrici, tutto questo non sarebbe possibile».

A questo punto non mi rimane che chiederle le tendenze moda per il 2017.

«È necessaria una premessa: non è la moda che fa la donna ma è la donna che fa la moda e tutto ciò che viene portato con disinvoltura ed eleganza fa moda. Detto questo, la tendenza quest’anno è quella del capello ondulato effetto naturale, morbido; i colori sono naturali e caldi; ci sono meno proposte “matte”. E le lunghezze… si allungano».

Altri consigli?

«Se amate la frangia, fate attenzione: non sta bene a tutti, dovete avere dei begli occhi, un bel naso e niente attaccature di capelli particolari. Altra cosa: ricordate di farvi sempre consigliare dal vostro parrucchiere di fiducia i prodotti giusti per i capelli».

E se un giorno abbiamo un appuntamento importante ma poco tempo per andare dal parrucchiere?

Se avete i capelli lunghi: uno chignon, una treccia o una coda ben fatti vi renderanno perfette. Se avete i capelli corti e un bel taglio: un buono shampoo e il diffusore vi permetteranno di essere in ordine».

E per l’uomo che cosa dire ?

Negli anni passati abbiamo visto tagli molto corti, rasati. Oggi invece resta il rasato ai lati ma anche per lui i capelli si allungano. Il ciuffo lungo è versatile, può essere portato da una parte o all’indietrio».

La barba nell’uomo si è allungata, poi abbiamo visto donne di tutte le età con ciuffi colorati o ragazzine che si sono fatte grigie. Resteranno queste tendenze?

«Sono un po’ delle mode “meteore”, spesso ispirate dalle star del momento».