Marcella Bella canta in omaggio al fratello

Prima il concerto evento, ora un cd con grandi artisti italiani

REGGIO EMILIA. Brani intramontabili come “Montagne verdi”, “Senza un briciolo di testa”, “L’ultima poesia”, “L’emozione non ha voce” e tanti altri, sono quelli cantanti da Marcella Bella insieme ad altri grandi artisti italiani in omaggio al fratello Gianni, colpito nel 2010 da un ictus che lo rese incapace di parlare.

Da quei drammatici momenti sono passati cinque anni e Gianni, dopo avere fatto piccoli, faticosi ma significativi passi avanti verso la ripresa ha potuto partecipare attivamente al concerto evento, al teatro Dal Verme di Milano, che a marzo scorso la sorella gli ha tributato e che è stato poi proposta in tv a giugno.

Da quella one night infine, per la gioia dei tanti fan che lo hanno desiderato e atteso, è arrivato da qualche settimana il cd con lo stesso titolo: “Una serata... Bella. Per te Gianni”. E già sta spopolando.

I due fratelli e artisti che, dall’inizio degli anni ’70 (nel 1972 Marcella Bella arrivò quarta a Sanremo con “Montagne verdi”) hanno fatto la storia della canzone italiana con collaborazioni storiche come quella con Mogol, sono di origine siciliane, ma hanno vissuto per molti anni a Sant’Ilario d’Enza, per poi trasferirsi, dove risiedono tuttora nel Parmense, a pochi chilometri di distanza dalla Val d’Enza.

La loro carriera artistica nasce nel Reggiano, basti pensare che qui a Marcella Bella è attribuita l’idea che, nel 1974/75 fece nascere da una vecchia pista di go-cart nei pressi di Cella la storica discoteca Marabù.

Il concerto a Milano dell’8 marzo (inutile dirlo un sold out), con Marcella Bella accompagnata da un’orchestra di 18 elementi, è stata un’occasione per riascoltare i più grandi successi dei due artisti, canzoni che hanno venduto milioni di copie in tutto il mondo.

Loredana Bertè, Umberto Tozzi, Mario Biondi, Mario Lavezzi, Annalisa e Deborah Iurato, gli stessi artisti allora sul palco con Marcella Bella per duetti inediti hanno poi contribuito a dare vita al nuovo cd.

Una vera “chicca” per i tantissimi affezionati ai Bella.