Per alzare il tiro in Europa, la Unahotels deve tifare Virtus

Il leader biancorosso Andrea Cinciarini

I bolognesi in finale di Eurocup: in caso di vittoria volerebbero in Eurolega liberando un posto nella seconda coppa Eca

REGGIO EMILIA. Guarda con grande attenzione al cammino europeo della Virtus Bologna, la Unahotels in attesa di capire ancora quale sarà il suo destino ai playoff.
Dai prossimi passi dei campioni d’Italia dipenderanno le giornate di partenza del quarto di finale biancorosso e soprattutto le possibilità di accesso a competizioni europee più prestigiose per la prossima annata sportiva, Eurocup o Fiba Champions League.
Mercoledì Bologna ha vinto la semifinale secca di Eurocup con l’altra favorita Valencia, e mercoledì 11 maggio ospiterà la finalissima con la grande sorpresa del torneo, i turchi del Frutti Extra Bursaspor, capaci sinora di macinare tutte le favorite, fra cui il Partizan Belgrado, guidati in regia dall’ex reggiano Derek Needham.

Chi vince ottiene la qualificazione diretta in Eurolega, nel caso della Virtus già la finale aumenta non poco le possibilità di chiamata, considerando la possibile esclusione delle società russe (nel 2021/22 erano tre quelle impegnate) per la stagione 2022-23.
Un approdo in Eurolega dei bolognesi tornerebbe molto utile alle ambizioni europee di Reggio. Da un lato, raddoppierebbe finalmente le presenze nella prima coppa, dall’altro libererebbe spazi per Eurocup e Fiba Champions League. Il futuro dell’Eurocup si deciderà a giugno, quando verrà scelto l’erede del dirigente Bartomeu e si faranno valutazioni sul numero di squadre, sulla formula e sugli accessi per ogni singolo Paese. L’Italia aveva tre licenze pluriennali, Bologna, Venezia e Trento, con la Virtus in Eurolega un posto potrebbe aprirsi o potrebbe radicalmente cambiare l’approccio di selezione. Di sicuro, Brescia e Tortona sono interessate e hanno i mezzi per far bene. Al momento sembra invece che la Champions League voglia mantenere l’attuale strutturazione, per l’Italia ci sarebbero due posti diretti e uno da guadagnare tramite i preliminari, che in caso di eliminazione permettono poi di disputare l’Europe Cup.
Con la Virtus al piano di sopra e il mantenimento dei tre posti in Eurocup, teoricamente tutte e otto le qualificate ai playoff potrebbero giocarsi una delle prime tre coppe.
Con il settimo posto, a ogni modo, almeno i preliminari di Champions League sarebbero garantiti, anche in caso di taglio dei posti in Eurocup a due.

Un motivo in più per vincere  contro la Fortitudo Bologna per la Unahotels, che lavorerà in città sino a domenica prima di raggiungere la Unipol Arena per rifinitura e match. La Effe, ormai retrocessa, dovrebbe comunque portare quasi duemila tifosi al palazzetto, per il congedo alla serie A.

Lunedì 9, poi, la Virtus già prima in campionato eserciterà il diritto di scelta sulla data di inizio dei propri playoff, potrà indicare domenica 15 o lunedì 16 e in base a questo dato gli altri quarti andranno di conseguenza: quarta e quinta giocheranno nelle sere della Virtus, seconda-settimane e terza-sesta in quelle alternate.