La Nazionale di Nicolò Melli invitata a giocare al Bigi

Giudici, presidente proviciale Fip al presidente federale Petrucci: «Vorremmo vedere gli Azzurri giocare una partita a Reggio quando il palasport sarà pronto»

REGGIO EMILIA. La gara d’andata della finale di Fiba Europe Cup ha richiamato tantissime personalità tra cui il presidente della Fip Gianni Petrucci.

Il presidente della Fip Provinciale Davide Giudicinon si è lasciato sfuggire l’occasione della presenza del numero uno federale nel parterre dell’Unipol Arena per perorare la causa reggiana invitando la federazione a portare il grande basket in città.


«Ho chiesto a Petrucci di considerare Reggio Emilia come possibile sede di una partita della nazionale azzurra - racconta Giudici -. Amaggior ragione ora che c’è Nicolò Melli capitano, sarebbe un magnifico evento e di sicuro un successo a livello di pubblico e di tifo. Ovviamente quando il pala Bigi tornerà finalmente ad essere disponibile. Penso che la nostra città si meriti un evento del genere. Anche se non dovesse essere una gara decisiva o di cartello, sarebbe comunque bello vedere qui la nazionale, un bel modo per promuovere il basket»

Ha notizie sulla possibile fine dei lavori al Bigi?

«In un modo o nell’altro, a settembre la Pallacanestro Reggiana rientrerà al Bigi».

Fra qualche settimana, il palasport di via Guasco non potrà fare da cornice per la finale del campionato di Promozione. Quali soluzioni alternative avete pensato?

«Probabilmente ci trasferiremo a Rivalta per quest’anno. Tecnicamente la finale dei campionati di Promozione nella nostra regione sono andata e ritorno ma da Bologna c’è la disponibilità ancora una volta a concederci la finale secca visto il grande successo di questa formula ottenuto nelle scorse edizioni».

Oltre alla finale ci sarà altro a contorno dell’evento?

«Non si giocherà più l’All star game e la gara del tiro da tre. Abbiamo deciso di sostituirli con una giornata di festa per i bambini e le bambine del minibasket che poi si concluderà con la disputa della finale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA