Altri quattro contagiati all’interno della Reggiana

I tamponi hanno evidenziato nuove positività al Covid, ma cinque tesserati si sono negativizzati. Ieri terza dose per il gruppo

Wainer Magnani

reggio emilia. Ormai occorre entrare nell’ordine di idee che la Reggiana non potrà avere a disposizione tutto l’organico perché il tecnico Aimo Diana sarà costretto a rinunciare ad alcune pedine a causa del Covid.


Questa è la realtà e in effetti a fronte dei cinque tesserati granata che erano risultati positivi il 3 gennaio e che ieri si sono negativizzati, c’è da registrare la positività di altri quattro tesserati.

A questi occorre poi aggiungere altri due componenti del gruppo squadra che sono venuti a contatto con soggetti risultati positivi al Covid e che quindi devono essere monitorati.

A comunicarlo ufficialmente, dopo il nuovo giro di tamponi effettuato nelle ultime ore, è stato lo stesso club granata.

«Dopo le valutazioni cliniche e i test per la ricerca della SARS-CoV-2 svolti nella giornata di oggi per l’intero gruppo squadra, sono risultati positivi quattro tesserati. Inoltre si sono riscontrate due situazioni in via di valutazione, a causa di contatti da parte dei tesserati con soggetti successivamente risultati positivi. I soggetti positivi del gruppo squadra, vaccinati e asintomatici, sono isolati e sono state attivate tutte le procedure previste dai protocolli federali. Sempre nella giornata di oggi cinque componenti del gruppo squadra precedentemente positivi sono risultati negativi al termine del periodo di osservazione. Per i cinque soggetti sono quindi state predisposte le visite per consentire la ripresa regolare dell’attività sportiva».

In attesa che anche i nuovi positivi si negativizzino, ieri il resto del gruppo dei tesserati granata ha effettuato la terza dose di vaccino al padiglione Ziccardi del dipartimento di Sanità pubblica di Reggio.

La società granata, attraverso un messaggio sui social, ha provveduto in serata a ringraziare il direttore, la dottoressa Emanuela Bedeschi, e le dottoresse Barbara Giglioli e Cinzia Perilli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA