«Rolo secondo con una gara da giocare Il tecnico Galantini ha centrato l’obiettivo»

Calcio Eccellenza. In attesa del recupero di giovedì in casa dell’Agazzanese, il ds Bruini si gode il panorama dall’alto 

il focus

mauro pinotti


Il Rolo attende il recupero di giovedì 6 gennaio che lo vedrà impegnato nella trasferta sul campo dell’Agazzanese per vedere di chiudere il girone di andata in solitaria al secondo posto dietro di soli due punti dalla capolista Cittadella Vis Modena, formazione indubbiamente attrezzata per poter fare il salto di categoria in serie D.

Attualmente i “blues” allenati dal tecnico Maurizio Galantini si trovano a quota 27, si al secondo posto, ma in condominio col Colorno e la Piccardo Traversetolo.

Recentemente la società è ricorsa al mercato invernale e ha inserito tre validi elementi: il centrocampista Tirelli (ex Campagnola e Correggese), classe 2002, il pari ruolo Del Bar, classe ’97, ex Governolese, che contro la capolista Cittadella, battuta per 3 a 2, ha giocato un’ottima partita e l’attaccante Lotti, svincolatosi dall’ex Carpi, classe 2004.

Per contro non è stato ceduto nessun giocatore.

Il Rolo, ha vinto sette partire sulle 14 partite giocate, pareggiandone sei e uscendo sconfitta solo da quella contro Piccardo Traversetolo, finita con un nettissimo 4 a 0 per gli avversari.

Ha realizzato 21 reti, subendone 13: un dato, questo, che ne fa uno de lle migliori difese del torneo.

«In attesa del recupero con l’Agazzanese - ha esordito il ds Giancarlo Bruini - ci godiamo questa posizione di classifica. L’allenatore Galantini ha centrato l’obiettivo che ci eravamo dati almeno per questa prima parte del campionato. Nel girone di ritorno venderemo cara la pelle, fino alla fine, per restare in alta classifica. Sono soddisfatto, alla fine i conti tornano sempre. La squadra sta facendo bene. Questo è uno dei campionati più equilibrati e competitivi degli ultimi anni».

A parte la parentesi dello scorso ottobre, dopo la partita Rolo-Nibbiano Valtidone quando il tecnico Maurizio Galantini si era dimesso per motivi personali, dimissioni poi rientrate, (ma pesava la partita di Coppa Italia col Rolo, sconfitto di misura, e poi eliminato dal Tonnotto San Secondo Parmense), non ci sono stati altri “scossoni” e il percorso della squadra è stato positivo. Tuttavia, nonostante l’ottimismo del direttore sportivo Bruini, l’allenaotre Galantini si mostra più prudente e, forse, un po' per modestia, un po’ per scaramanzia, non vuole fare previsioni.

«Non sono abituato a voli pindarici. Non è nel mio stile - premette il tecnico del Rolo - prima arriviamo a 35 punti e poi vediamo chi è sotto e sopra di noi, dopo di ché potremo discutere, con la società, cosa fare. Solo in questo modo possiamo viaggiare senza creare grossi problemi. Tra l'altro data la situazione di emergenza sanitaria, il campionato potrebbe fermarsi. Questo non è un periodo facile pertanto è davvero difficile fare previsioni».

Il Rolo milita da nove anni in Eccellenza, la società si è sempre dimostrata solida e seria. Durante queste nove annate la squadra ha disputato tre finali di Coppa Italia vincendone una, ha sfiorato la promozione in serie D, in particolare nel 2016 quando il team, all’epoca allenato dal tecnico Pietro Ferraboschi, venne eliminato negli spereggi dal Subasio.

Il ds Giancarlo Bruini ha festeggiato quest'anno il suo 32° anno in società. Era entrato nel 1989 quando il Rolo giocava in Seconda categoria. Nel 1991/92 è salito in Eccellenza poi la società reggiana ha attraversato diversi cicli, in questa categoria: uno di cinque, uno di sei e ora uno di nove (sarebbero stati dieci ma nel 2020 il campionato è stato sospeso a causa della pandemia).

Nel corso del trentennio di Bruni, il Rolo, ha giocato 21 stagioni in Eccellenza. E per un paese di quattromila abitanti questi sono risultati straordinari.

I rolesi sono orgogliosi della loro squadra e lo dimostrano ogni domenica riempiendo la tribuna, ripagando così la società dei numerosi sforzi sportivi ed economici. E a proposito di sforzi, la società, da luglio 2020, prima che inizi la stagione agonistica, in fase di preparazione, va in ritiro a Pinzolo (Trento), lontano dall’afa agostana per migliorare le prestazioni atletico-fisiche dei propri giocatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA