Arriva la Fermana, ma per la Reggiana è d'obbligo vincere

Aimo Diana in tribuna con il match analyst granata Damiano Bertani durante Reggiana-Viterbese

Alle 14.30 la squadra di Aimo Diana ospita la formazione marchigiana quart'ultima in classifica e deve assolutamente ritrovare la vittoria al Città del Tricolore dopo i due pareggi con  Cesena e Viterbese

REGGIO EMILIA. L'allenatore della Reggiana Aimo Diana, scontata la squalifica inflittagli la scorsa settimana dal giudice sportivo, guiderà di nuovo i granata dalla panchina dello stadio "Città del Tricolore" contro la Fermana, attualmente quart'ultima in classifica. 

Ma al di là della classifica dei marchigiani, per la formazione granata è assolutamente importante cogliere i tre punti  per tornare alla vittoria in casa dopo due pareggi interni contro Cesena e Viterbese, ma soprattutto per rinsaldare il primo posto in classifica, oggi in coabitazione con il Modena che invece gioca in trasferta a Imola. 

"Chi si aspetta una partita facile _ ha messo in guardia Diana nella conferenza stampa della vigilia del match _ allora è giusto che prepari i fischietti, perché potrebbe esser portato a fischiare". Poche le novità sulla formazione, con Neglia al posto di Scappini in attacco e Cigarini che, scontata la squalifica, riprende il suo ruolo di regista arretrato.