Reggiana in apprensione per Venturi

I soccorsi a Giacomo Venturi dopo lo scontro di gioco con De Marchi

Dopo la bella e sofferta vittoria dei granata sul campo del Pescara, a preoccupare sono le condizioni del portiere, uscito dopo appena 6 minuti di gioco in seguito a uno scontro di gioco e ora ricoverato in osservazione al Santa Maria nuova

REGGIO EMILIA. Un colpo all'addome dalle conseguenze ancora incerte. La Reggiana e i tifosi granata sono in apprensione per le condizioni di Giacomo Venturi. Nella trasferta di Pescara, il portiere granata è uscito dal campo dopo appena sei minuti di gioco: colpa di uno scontro di gioco con l'abruzzese De Marchi.

Ora l'estremo difensore è ricoverato in osservazione al Santa Maria Nuova. I medici vogliono assicurarsi che la botta non abbia avuto conseguenze più gravi.

Invero, la carriera del portiere romagnolo  è  stata costellata di infortuni. Nel 2014/15 con la maglia della Cremonese quando è stato sottoposto a  un intervento chirurgico che l’ha costretto a rimanere  fuori per 6 mesi. Il secondo grave incidente è accaduto il 23 luglio 2019 quando Venturi, in allenamento durante il ritiro dei granata aveva riportato un forte trauma cranico che l’aveva costretto a rimanere fermo per 143 giorni e poi, una volta tornato tra i pali a giocare molte partite indossando un caschetto protettivo.

Infine, il 7 settembre 2020, invece, quando, sempre in allenamento e sempre  a Carpineti, in uno scontro con un compagno di squadra il portiere granata aveva riportato la frattura  dello zigomo ed è rimasto fuori per 39 giorni.