Capitan Rozzio invoca serenità «Resettiamoci»

Andrea Munari

REGGIO EMILIA. La nuova stagione della Reggiana è iniziata e nei giocatori rimasti in maglia granata c’è grande voglia di rivalsa dopo le delusioni dell’anno scorso. Primo tra tutti il capitano Paolo Rozzio che si appresta ad iniziare il suo sesto campionato in maglia granata: «C’è grande voglia di rivincita, ma una rivincita che deve essere positiva e costruttiva – ha affermato il capitano della Reggiana – abbiamo bisogno di resettare e lasciarci alle spalle quello che è successo e anche questa storia del punto perso a Vicenza all’ultima giornata. Abbiamo bisogno di positività, conoscerci sul campo, conoscere l’allenatore e allenarci al meglio. Noi che siamo qui già dall’anno scorso abbiamo tanta voglia di fare bene per raggiungere un obiettivo importante senza fossilizzarci su quello che è stato il campionato di Serie B perché non ci farebbe bene».


Nel raduno della Reggiana che si appresta a salire a Carpineti si rivede anche Stefano Scappini. Il bomber che due anni fa ha trascinati i granata a suon di gol nella prima parte di stagione, per poi arrendersi alla fascite plantare: «Due anni fa ho fatto una buona prima parte di stagione iniziando già a non stare bene – ha affermato il bomber granata – poi quasi non riuscivo a stare in piedi per la fascite plantare. Adesso però sto bene e sono contento anche dell’anno scorso perché non ho mai avuto problemi dal punto di vista fisico e in tutto l’anno avrò saltato due allenamenti. In quest’ultimo anno ho pensato a quello che facevo io e non a quello che succedeva alla Reggiana anche se l’ho seguita e mi è dispiaciuto che non siano riusciti a mantenere la Serie B. Ora però sono davvero felice di ripartire con la maglia granata». La stagione inizia con una Reggiana che punta dichiaratamente ai piani alti. «I progetti a lungo termine devono essere supportati da quelli a breve termine – ha concluso Scappini – il nostro unico obiettivo dovrà essere quello di fare di tutto per vincere domenica dopo domenica». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA