La Unahotels scommette su Bryant Crawford

Partirà dalla panchina l’emergente play/guardia americano che ha maturato esperienza nel campionato lituano

Linda Pigozzi

reggio emilia. Ha pescato dal sommerso la Pallacanestro Reggiana per trovare il jolly che uscirà dalla panchina per dar minuti di riposo a quelli che saranno il play e la guardia tiratrice titolari della nuova Unahotels, ancora senza un volto.


La combo Bryant Crawford è una scommessa per il club reggiano, ma neppure troppo vista l’ottima carriera collegiale a Wake Forest e le buone stagioni giocate in Lituania con la maglia della Juventus Utena. E questo conferma l’orientamento della società di guardare all’area baltica, dopo l’ingaggio - solo 24 ore prima di ufficializzare Crawford - dell’ala piccola lituana Osvaldas Olisevicius.

Emergente, ambizioso, fisicato, il 24enne Bryant Crawford - 191 centrimetri d’altezza per 91 chili di peso forma - ha iniziato l’avventura fuori dai confini statunitensi con l’Hapoel Gilboa Galil in Israele, prima di finire in Lituania.

Con la maglia di Untena, nella stagione 2020/2021, ha giocato 37 partite disputate oltre 11 punti di media con 2.6 rimbalzi, 4.1 assist e 1.5 rubate in 24’ di utilizzo medio.

«Ingaggiamo un atleta giovane, di prospettiva, ma che ha già fatto vedere buone cose in campionati competitivi come quello israeliano e lituano - conferma il direttore sportivo biancorosso Filippo Barozzi - seguivamo Bryant Crawford da oltre un anno, pertanto riteniamo che possa avere le caratteristiche giuste per inserirsi all’interno di un gruppo che sarà composto da un mix di giovani e giocatori nel pieno della loro carriera».

«Bryant può ricoprire sia il ruolo di guarda sia di playmaker, ha cambio di ritmo, impatto fisico e possiede ancora ampi margini di miglioramento» sottolinea il ds della Pallacanestro Reggiana.

«Sono galvanizzato dalla possibilità di giocare in Italia e ringrazio la Pallacanestro Reggiana per questa opportunità. Non vedo l’ora di diventare parte di questa grande famiglia, conoscere i compagni, lo staff e la città e lavorare per disputare una bella stagione» le prime parole del nuovo giocatore della Unahotels.

Bryant Crawford, come detto, non è stato arruolato per coprire lo spot di play titolare e di conseguenza la caccia al successore di Brandon Taylor è ancora in atto.

La conferma del regista che ha guidato i biancorossi nell’ultima stagione è altamente improbabile (per non dire impossibile). Taylor ha deciso di fare il gran salto e accasarsi in un club di fascia superiore. In prima linea per assicurarselo c’è il Bamberg che avrebbe messo piatto un’offerta allettante e l’accordo potrebbe essere vicino.

Come noto è invece più che probabile il ritorno in biancorosso di Justin Johnson, uomo di fiducia dell’allenatore Attilio Caja che non ha mai nascosto di essersi trovato benissimo a Reggio e di nutrire l’ambizione di voler tornare a vestire i colori biancorossi,

La trattativa con il lungo del Kentucky è ben avviata e una decisa accelerazione potrebbe arrivare già in settimana. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA