Candi: "In nazionale lotterò per conquistare un posto al torneo pre-olimpico"

Leo Candi in azione in maglia azzurra

Il capitano della Unahotels da sabato sarà impegnato nel ritiro azzurro di Pinzolo

REGGIO EMILIA. Leo Candi si (ri)veste d’azzurro.
Da sabato il capitano della Unahotels sarà impegnato al training camp della nazionale in Trentino con l’obiettivo di prendersi uno dei posti a disposizione per il torneo pre-olimpico che si disputerà dal 29 giugno al 4 luglio a Belgrado. Vero è che nel listone stilato dal ct Sacchetti mancano i giocatori ancora impegnati nei playoff ma la concorrenza resta altissima, soprattutto fra gli esterni.
«La convocazione in nazionale fa sempre piacere - spiega Candi -. Sono molto carico: non vedo l’ora di iniziare. Mi aspettavo la chiamata? Ho fatto una buona stagione, statisticamente la mia miglior stagione in serie A. E penso di aver fatto bene anche al di là delle statistiche. Quindi sì... pensavo proprio che questa chiamata arrivasse».

«Saremo un gruppo di tanti giovani e sono certo che ci sarà un grande entusiasmo. Ci prepareremo al meglio per il pre-olimpico, poi sarà quel che sarà. Spero di andare avanti più possibile. Arrivare al pre-olimpico passerà da me, ne sono consapevole - dice con tono convinto - Voglio guadagnarmi un posto attraverso gli allenamenti sul campo».
Pensando proprio al raduno azzurro, il capitano della Unahotels ha continuato ad allenarsi nonostante le due settimane (abbondanti) di vacanza concesse ai giocatori dal coach Caja.
«Non ho smesso di allenarmi e penso di essere pronto a livello fisico. Mi sento pronto ad affrontare questa nuova avventura».
Nel periodo di stop dagli allenamenti, sono rimbalzate voci di mercato che volevano il 24enne bolognese tentato dall’Olimpia.
«Onestamente - tiene a chiarire - per quanto riguarda Milano la mia agenzia non abbiamo ricevuto offerte. Sono solo voci, secondo me...»
Il futuro è reggiano, quindi.
«Domani (oggi, ndr) sarò in palestra con gli altri e parlerò con Caja, finora non ne ho avuto modo - spiega - Con la Pallacanestro Reggiana ho un altro anno di contratto. Quattro anni fa ho iniziato con questa società il mio percorso nella massima serie e voglio continuarlo: mi trovo bene qua».
Progetti la prossima stagione?
«Arriviamo da un’annata di alti e bassi. La scorsa estate siamo partiti con l’ obiettivo della salvezza e alla fine l’abbiamo centrato. Abbiamo anche superato le aspettative, qualificandoci alle Final Eight anche se all’ultimo respiro. Poi abbiamo incontrato Milano che è sotto gli occhi di tutti che squadra è, si è visto nella Final Four di Eurlega con il Barcellona. Nonostante i periodi di down, per noi la scorsa stagione è stata comunque positiva. Non la vedo fallimentare sia a livello personale sia a livello di squadra. Poi si può sempre far meglio. Noi ogni stagione partiamo con la voglia di far meglio di quella precedente - conclude - Sarà così anche per il prossimo campionato, al di là di tutto. Poi si vedrà che squadra avremo...».