Brescia valuta Caja, ma il coach è solo uno dei papabili

Contatti in corso fra la Leonessa e il tecnico legato al club reggiano ancora da un anno di contratto Definire la posizione di Kyzlink sarà il primo step a fine stagione 

reggio emilia. Brescia punta Attilio Caja. La voce uscita già nei giorni scorsi continua a risuonare lungo tutto lo stivale.

Da quanto rimbalza, la Leonessa ha sì inserito il nome dell’attuale allenatore biancorosso nella lista dei papabili a sostituire Maurizio Buscaglia - l’ex Grissin Bon non sarà confermato - ma con Caja ci sarebbe stata soltanto qualche telefonata finalizzata a tastare il terreno e, almeno per il momento, non sarebbe stata intavolata alcuna trattativa.


Non c’è infatti solo l’allenatore della Unahotels nell’elenco dei tecnici graditi alla dirigenza lombarda.

La questione è inoltre piuttosto complessa, visto che il coach pavese è legato alla Pallacanestro Reggiana da un altro anno di contratto. Blindatissimo, oltretutto, visto che non sono previste uscite a favore di nessuna delle due parti.

Teoricamente, quindi, il matrimonio, fra Caja e la società biancorossa sarebbe destinato a durare almeno sino al 30 giugno 2022.

Brescia se davvero intenzionata ad assicurarsi l’allenatore che ha portato alla salvezza della Unahotels, dovrà quindi bussare al portone della sede di via Martiri della Bettola, cosa che sino ad ora non è accaduta.

Nei giorni scorsi la presidente Veronica Bartoli in un’intervista alla nostra testata aveva sottolineato che «Caja ha un contratto anche per il prossimo anno. Non vedo alcun problema: quella sarà la base».

Fedele alla filosofia societaria, la Pallacanestro Reggiana non intende però trattenere nessuno contro la propria volontà, ragion per cui se la dirigenza bresciana, spuntando tutti gli altri nomi in lista, decidesse di affidare la squadra ad Attilio Caja, l’operazione potrebbe essere possibile.

Al momento tutti i ragionamenti si sviluppano ancora completamente sul piano ipotetico ed è logico pensare che Brescia si muoverà solo a bocce ferme.

Pure sul fronte reggiano, solo dopo il match con Venezia di lunedì 10 maggio che andrà a chiudere la stagione 2020/21 della Unahotels, comincerà a muoversi qualcosa.

Soltanto dopo l’ultima gara dei biancorossi avverrà infatti l’incontro fra i soci del club e l’ad Alessandro Dalla Salda.

Da quell’incontro usciranno le linee guida che il club seguirà poi le successive settimane in cui si comincerà a progettare la nuova stagione.

Il primo passaggio sarà definire la posizione di Tomas Kyzlink.

L’esterno ceco ha un contratto biennale, ma il club ha a proprio favore un’opzione d’uscita da esercitarsi entro la fine del mese di maggio. —

L.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA