L’Europa guarda gli stranieri della Unahotels

Il team biancorosso non ha più niente da chiedere e gli americani diventano appetibili per i club impegnati nei playoff

Adriano Arati

reggio emilia. Non riguarda solo i coach la girandola di nomi che già anima il mercato, o meglio le prove tecniche di mercato, del basket italiano. Se nei giorni scorsi si era parlato dell’interessamento verso il tecnico biancorosso Attilio Caja da parte di Brescia, adesso l’attenzione è focalizzata sui giocatori, e le opzioni riguardano sia le operazioni in entrata che in uscita. Nel breve termine, il pensiero va a quegli atleti che potrebbero venire ingaggiate da formazioni attese a breve termine dai playoff scudetto in tutta Europa.


Molte società, sia per tamponare emergenze, sia per rafforzarsi, sia per avere un paracadute affidabile, sono pronte ad effettuare innesti volanti. Chi non ha più obiettivi, invece, è sicuramente disponibile ad ascoltare offerte per elementi che rimarrebbero sotto contratto sino a fine giugno: liberarli prima permetterebbe di risparmiare qualche rata sulla somma complessiva dell’accordo economico, e magari di portare a casa una piccola buonuscita. I giocatori, dal canto lavoro, avrebbero la possibilità di ottenere un compenso extra più corposo e l’opportunità di mettersi in mostra ad alto livello, nei playoff. Nel campionato italiano, le uniche due realtà senza nessuna speranza di cambiamenti di status sono la Unahotels e Cantù. Reggio è condannata dagli incastri e dagli scontri diretti con Cremona, nemmeno una vittoria con Venezia permetterebbe di agguantare l’ottavo posto, e i brianzoli sono matematicamente ultimi. Entrambe le formazioni hanno elementi stranieri interessanti, che potrebbero far comodo a chi ha bisogno di rinforzi. Basti pensare alla coppia Elegar-Sims, due centri che un contributo possono darlo sicuramente. Soprattutto per gli stranieri, quasi sempre vincolati da contratti annuali, una risoluzione anticipata non comporta una rottura o un addio definitivo brusco. Anzi, può essere visto come un gesto di cortesia lasciandosi eventualmente con l’accordo di risentirsi per la stagione successiva, mantenendo buoni rapporti.

Nel 2018 Jalen Reynolds iniziò la sua ascesa a maggio, passando dalla Grissin Bon non qualificata per la fase finale al Barcellona.

La Cantù citata in precedenza torna di attualità anche per le prime suggestioni di mercato. Il regolamento prevede la rescissione automatica del contratto in caso di retrocessione, visto che l’A2 è formalmente un campionato dilettantistico al contrario della serie A. In passato, il discorso è rimasto valido anche in caso di successivo ripescaggio, come accaduto con Cremona. Gli atleti erano liberi nel momento della discesa di categoria. Nel caso brianzolo, questo metterebbe sul mercato tre ragazzi giovani che in questa stagione hanno fatto bene: la guardia Procida, l’ala Pecchia e il lungo Bayehe, che con coach Bucchi. Procida è il prezzo pregiato, una guardia di grande atletismo e ottimo tiro visionata anche dagli scout Nba.

I tifosi reggiani si sono subito ingolositi, e una piazza come quella biancorossa, da sempre attenta ai talenti tricolori, potrebbe essere la destinazione adatta per un’ulteriore crescita. Per quanto riguarda Procida, però, si sarebbero già mosse le corazzate, intenzionate magari a darlo poi prestito, come Milano ha già fatto con Bortolani, mandato a Brescia a fare esperienza. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA