Fiorentina, vietato sbagliare stasera sul campo del Verona

Brunella Ciullini

Cercasi disperatamente i tre punti. È con questo obiettivo, o per meglio dire necessità, che la Fiorentina ieri pomeriggio è salita sul treno per raggiungere Verona dove stasera affronterà la squadra di Juric, ovvero l’allenatore che sembrava destinato a guidare i viola in questa stagione salvo vedersi preferire in agosto Iachini confermato da Rocco Commisso. Un ulteriore motivo di interesse di questa sfida che si annuncia assai impegnativa per la squadra viola reduce da due sconfitte di fila e con il fiato sul collo delle avversarie nella corsa salvezza. L’ultimo ko – il 3-1 di sabato contro il Sassuolo – insieme ai successi delle dirette rivali Torino e Cagliari ha reso la classifica ancor più pericolante e il clima sempre più carico di tensioni. Il presidente viola, in tribuna al Mapei Stadium (anche stasera sarà al Bentegodi) ha deciso di prendere alcuni provvedimenti nei confronti della squadra come il ritiro anticipato e il silenzio stampa. Così ieri Iachini non ha partecipato alla consueta conferenza di vigilia e tutti sono rimasti con le bocche cucite, anche sui social personali e dello stesso club. Nessun intervento da parte di qualche dirigente neppure per commentare la vicenda della Superlega che sta facendo discutere tutto il mondo del calcio e non solo. Insomma, testa bassa e pedalare, questo sembra essere il messaggio che filtra dal clan viola, ora la priorità è la salvezza e non potrebbe essere altrimenti, come chiede anche quella parte di tifosi che hanno sfogato il loro malcontento riempiendo gli account della società viola con messaggi carichi di rabbia e delusione. Contro il Verona dunque per la Fiorentina non c’è che un risultato da centrare: la vittoria. L’ultima risale ad un mese fa, al 13 marzo quando la squadra viola espugnò il Vigorito superando per 4-1 il Benevento. Da allora sono arrivate tre sconfitte e un pareggio malgrado Vlahovic e i suoi gol che hanno già toccato quota 15. Pure stavolta, salvo imprevisti, toccherà a lui guidare l’attacco in attesa della sfida di domenica con la Juve, mentre in difesa dovrebbe tornare Martinez Quarta per la squalifica di Milenkovic (comunque partito lo stesso con i compagni) e a centrocampo è annunciato il rientro di Amrabat, alla prima da ex a Verona dopo l’esclusione di sabato scorso. A fargli posto dovrebbe essere uno fra Pulgar, Bonaventura e Castrovilli. Gli unici viola rimasti a Firenze sono gli infortunati Borja Valero e Kokorin.


ORE 20, 45 (SKY)

VERONA (3-4-2-1): 1 Silvestri; 27 Dawidowicz, 21 Gunter, 17 Ceccherini; 5 Faraoni, 61 Tameze, 14 Ilic, 8 Lazovic; 7 Barak, 20 Zaccagni; 92 Lasagna.

FIORENTINA (3-5-2): 69 Dragowski; 2 Martinez Quarta, 20 Pezzella, 22 Caceres; 23 Venuti, 34 Amrabat, 78 Pulgar, 10 Castrovilli, 3 Biraghi; 9 Vlahovic, 7 Ribéry. A disp. 1 Terracciano, 21 Rosati, 98 Igor, 15 Maxi Olivera, , 27 Barreca, 25 Malcuit, 77 Callejon, 5 Bonaventura, 92 Eysseric, 28 Montiel, 11 Kouamè. All. Iachini.

ARBITRO: Prontera di Bologna. –