Malinovskyi manda l’Atalanta in orbita: la Juve deve inchinarsi

Un tiro deviato regala agli orobici un successo decisivo nella bagarre per la Champions I bianconeri senza Ronaldo appaiono poco incisivi

Dopo venti anni di attesa un gol di Ruslan Malinovskyi nel finale consente all’Atalanta di battere la Juventus per 1-0 e issarsi da sola al terzo posto in classifica con 64 punti. Per i nerazzurri di Gian Piero Gasperini la qualificazione alla Champions League per il terzo anno di fila è sempre più vicina. Mastica amaro, invece, la Juventus che senza Cristiano Ronaldo si conferma ancora una volta troppo fragile e spuntata. I bianconeri di Andrea Pirlo non hanno mai vinto in questo campionato senza il loro fuoriclasse portoghese, non è bastato il rientro da titolare di Dybala anche perché Morata non si fa mai notare se non per un clamoroso gol divorato nel primo tempo.

Primo tempo giocato a ritmi elevati, nonostante il campo scivoloso per la pioggia. Parte meglio la Juve, che alza il baricentro nella metà campo atalantina. Bianconeri pericolosi soprattutto con una serie di combinazioni di Cuadrado e Dybala, anche se Gollini non viene quasi mai impegnato. Con il passare dei minuti cresce l’Atalanta, che poco prima della mezzora sfiora il vantaggio con un sinistro da centro area di Pessina sventato in angolo da un intervento alla disperata di De Ligt. Alla mezzora si rivede la Juve con un doppio tentativo in mischia di De Ligt e Chiellini, su angolo. Nel finale di tempo è ancora la squadra di Pirlo ad avere le occasioni migliori: prima con Morata (errore clamoroso solo davanti a Gollini), poi con McKennie e infine con Chiesa. L’Atalanta però si salva.


Nell’intervallo Gasperini toglie Pessina, ancora non al meglio, dentro Pasalic che ci prova con un destro da dentro l’area contrato da De Ligt. Risponde la Juventus con una punizione velenosa di Dybala dai 25 metri, con palla di poco a lato. La Joya lascia il campo al 68’, al suo posto Kuluseveski. Gasperini replica inserendo Ilicic per Muriel, poi Malinovskyi per Mæhle. Proprio lo sloveno serve subito a Zapata un assist perfetto che il colombiano di testa non sfrutta, la palla termina di poco a lato. Quando lo 0-0 sembrava ormai scritto a tre minuti dalla fine l’Atalanta passa con un sinistro da fuori area di Malinovskyi, deviato da Alex Sandro. —