Mattia Gori scalpita: «Per la Correggese ora comincia un altro campionato»

I biancorossi hanno ripreso gli allenamenti e domenica torneranno in campo in casa della Marignanese Cattolica 

CORREGGIO. Dopo più di un mese senza partite la Correggese domenica tornerà in campo, in trasferta in casa della Marignanese Cattolica. Nel campionato più anomalo di tutta la storia della serie D alla squadra del presidente Lazzaretti restano – per mettersi in pari con il calendario – cinque partite da recuperare.

E in queste cinque ci sono anche due gare che avrebbero dovuto disputarsi addirittura nel girone d’andata: con il Rimini e con il Real Forte Querceta. Sono invece un po’ più recenti il derby saltato con la Bagnolese, la partita con il Prato e quella contro il Forlì. Tutte partite che i biancorossi dovrebbero recuperare nella “finestra” creata dalla Lnd, che ha deciso di sospendere il campionato dal prossimo 24 aprile per giocare tutti i recuperi.


La formazione del tecnico Mattia Gori la scorsa settimana ha ripreso gli allenamenti al Borelli di Correggio dopo la quarantena a cui tutto il gruppo squadra era stato sottoposto a causa di alcune positività al Covid-19 emerse a metà marzo prima della sfida di Forte dei Marmi contro il Real Forte Querceta.

Come ha ritrovato la squadra?

«Ho ritrovato i giocatori molto carichi perché finalmente domenica torniamo a giocare. Devo dire che purtroppo i giocatori si stanno anche abituando a questi continui stop visto che quest’anno ci è già capitato quattro volte e sono quindi ormai consapevoli di quello che devono fare quando sono a casa per mantenersi in allenamento e farsi trovare pronti quando torniamo in campo».

Il morale è dunque alto. Ma come stanno i giocatori da un punto di vista fisico?

«In questi allenamenti ho visto delle buone cose, sabato scorso abbiamo fatto un’amichevole in famiglia per ritrovare i 90’ visto che non disputiamo una partita dal 7 marzo quando abbiamo giocato a Mezzolara. Chiaramente la condizione fisica non è ottimale perché per un calciatore lavorare a casa da solo è molto diverso rispetto a quello che viene fatto in gruppo al campo di allenamento, però devo dire che sono soddisfatto di quello che abbiamo fatto fino ad ora».

Come state lavorando per preparare un finale di stagione dove dovrete disputare tante partite?

«Stiamo lavorando molto sia a livello tattico sia a livello fisico. Soprattutto dal punto di vista tattico sappiamo che questa sarà una delle ultime settimane tipo, in cui poterci allenare quotidianamente e arrivare poi alla partita la domenica perché poi inizieremo un bel tour de force fino al termine della stagione e sappiamo che certe cose le dovremo poi preparare più a video che sul campo».

Domenica si torna in campo in casa della Marignanese, che partita si aspetta?

« In casa della Marignanese sarà una partita difficile, loro sono una squadra molto quadrata, che ha conquistato 8 punti nelle ultime 4 giornate. Sono in piena lotta per la salvezza, sono una squadra molto compatta che tiene praticamente tutti i giocatori sotto la linea della palla in fase di non possesso quindi sappiamo che dovremo fare un’ottima partita per tornare a casa con dei punti».

Si può dire che ora inizia un nuovo campionato per la Correggese?

«Da domenica è come se per noi iniziasse un secondo campionato dopo quello giocato fino a marzo. L’ho detto anche alla squadra prima dell’allenamento perché avremo da giocare 15 partite per puntare il nostro obiettivo. Dobbiamo ragionare una partita alla volta e con l’entusiasmo e la determinazione riuscire a sopperire anche a quelle che possono essere le piccole carenze che potremmo avere in questo momento». —

R.S.

© RIPRODUZIONE RISERVATA