Zamparo e Varone spinti in gol dalla voglia di restare in serie B

Nicolò Valli

REGGIO EMILIA. La sua zampata a tempo scaduto tiene in vita la Reggiana nella corsa alla salvezza. Una rete che Ivan Varone dedica ai suoi genitori: «Oltre che alla mia mamma come al solito voglio rivolgere in questo caso un pensiero a mio papà- spiega il centrocampista- mi avevano tenuto nascosto la cosa per non farmi agitare ma ho scoperto che ha contratto il Covid e non sta benissimo. Gli ho promesso di segnare: spero sia orgoglioso di me». Poi Varone spiega l’origine del gol: «L’inserimento è una delle mie qualità; quando ho visto Kargbo stoppare la palla mi sono buttato in area nel caso sbagliasse mira, e così è stato. È un gol importante, che ci dà speranza: meritavamo molto di più del pareggio e per poco non la perdevamo. Abbiamo fatto una grande partita mettendo il cuore su ogni pallone, ma gli episodi ci hanno penalizzato». Chiusura sul fuorigioco che ha privato Mazzocchi della rete che avrebbe probabilmente cambiato le sorti dell’incontro: «Dal campo è stato clamoroso, sembrava buonissimo perché l’ha presa di petto: chiediamo più attenzione perché ci stiamo giocando la vita. Siamo comunque una squadra forte, siamo vivi e lotteremo sino alla fine». Si è finalmente sbloccato Luca Zamparo: «Sapevo che prima o poi sarebbe arrivato il momento- spiega l’Arciere- il lavoro paga sempre; questa rete mi darà una mano anche a livello mentale. Ho aspettato un attimo ad esultare perché non capivo se il guardalinee volesse fischiare fuorigioco, ma poi è stata una liberazione ed una gioia immensa. Abbiamo fatto un’ottima partita, siamo stati bene in campo e meritavamo di più, ma bisogna guardare avanti con fiducia. Siamo in crescita, ci manca la vittoria ma bisogna lavorare forte». Il bomber allontana i paragoni con Silenzi (raggiunto a 32 marcature in granata) e chiosa: «Ho lottato tanto per arrivare in questa categoria, spero arrivino altre segnature per muovere la classifica ed aiutare la squadra a raggiungere la salvezza». —


© RIPRODUZIONE RISERVATA