La Unahotels ancora senza Elegar nella sfida-verità contro la Vanoli

Biancorossi attesi a conferme nel match salvezza Il coach Caja: «Contro Cremona sarà una battaglia»

Linda Pigozzi

reggio emilia. Frank Elegar ancora out oggi a Cremona.


La Unahotels dovrà quindi affrontare - a partire dalle 18 - la delicatissima sfida salvezza contro la Vanoli senza il suo centro titolare che ancora non s’è lasciato alle spalle l’infortunio all’anulare sinistro, rimediato in allenamento sette giorni fa.

Di là, nonostante il periodo difficoltoso da cui la Vanoli è reduce, l’unica incertezza riguarda David Cournooh per il quale s’attende l’esito negativo del tampone.

E proprio il Covid ha rischiato di rendere amaro il post vittoria con Pesaro per i biancorossi. Un caso di positività fra i giocatori pesaresi ha infatti fatto tenere col fiato sospeso l’intero club reggiano. Fortunatamente tutti i tamponi effettuatati dai biancorossi venerdì pomeriggio (48 ore prima del match odierno, come da regolamento) sono risultati negativi.

In salute e caricata dal successo nel posticipo contro la VL, la squadra può quindi provare a bissare il risultato conseguito nel posticipo contro i marchigiani.

Incamerare punti, ora come ora, è necessario come l’ossigeno.

Il successo con Pesaro ha finalmente interrotto la serie nera che durava dal 23 gennaio scorso, quando la Unahotels - allora guidata da Antimo Martino - piegò Trento.

Dopo di allora (ma anche nel mesetto precedente il trend era stato negativo, a dirla tutta) sono stati solo dolori. Almeno fino a lunedì.

Oggi Candi e soci hanno la grande chance di far svanire completamente le ombre che oscuravano il cielo e continuare la risalita.

All’andata all’Unipol Arena finì con i reggiani in ginocchio sconfitti 56 a 85 dalla formazione di Paolo Galbiati, attualmente appaiata alla Unahotels a 16 punti.

Allora però i biancorossi erano reduci dal Covid e si presentarono all’appuntamento in una pessima condizione psicofisica. Oggi la musica dovrà essere diversa.

«Abbiamo proseguito nel nostro lavoro con grande impegno, attenzione e voglia di finire nel miglior modo possibile la stagione lasciandoci alle spalle il periodo nero e sfortunato - avverte il coach Attilio Caja - per capire la forza di Cremona basta pensare alla partita d’andata: siamo consapevoli che sarà un match molto difficile ed impegnativo, contro una squadra abituata a giocare queste sfide. Penso all’aspetto mentale prima di tutto, bisognerà affrontare con concentrazione tutti i 40 minuti superando, all’interno della contesa, i momenti di difficoltà che sicuramente arriveranno».

Il roster cremonese non va sottovalutato, nonostante la stagione sia stata sin qui complessa e gli ultimi sessanta giorni particolarmente difficili.

«Tecnicamente, dovremo porre grande attenzione ad Hommes, il loro scorer più importante, ed alla creatività di Poeta, che rappresenta un po’ il motore del team. In generale sarà però fondamentale contrastare la grande fisicità di cui dispone, sia nel reparto lunghi che negli esterni, l’intero organico della Vanoli. Sarà una battaglia sportiva: la posta in palio, mancando solo cinque gare da qui alla fine, è molto alta. Ogni partita che manca diventa sempre più importante e mi auguro che riusciremo a mettere in campo la stessa attenzione e concentrazione con cui i ragazzi si stanno applicando nel quotidiano in allenamento» chiude Caja, ex del match.

Il coach ha disposto che la squadra lasciasse Reggio già nel tardo pomeriggio di ieri, non appena concluso l’allenamento alla Cassala, per un mini-ritiro. In mattinata i biancorossi effettueranno quindi la rifinitura al pala Radi. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA