Polonara stellare Contro il Pana prestazione da record

reggio emilia. Sempre più in alto. Martedì sera il Baskonia Vitoria di Achille Polonara ha ottenuto una preziosissima vittoria ad Atene contro il Panathinaikos, un successo che tiene ben accese le speranze di qualificazione ai playoff di Eurolega per i baschi, in lizza con il Bayern Monaco di Jalen Reynolds, il Real Madrid, Valencia e Zenit per gli ultimi tre posti utili.

L’82-97 porta impressa la firma proprio di Polonara, l’ex lungo di Reggio negli anni gloriosi delle cavalcata scudetto: “Polonair”, titolare fisso per coach Ivanovic, ha chiuso con 22 punti, 5/6 da tre, 11 rimbalzi, 4 assist e 3 recuperi in 37’.


Nell’ultimo anno ha abituato a un rendimento elevatissimo, ma quello di Atene è davvero un picco impressionate, con cifre da protagonista assoluto, che hanno attirato la curiosità anche dei tifosi biancorossi, sempre attenti alle carriere degli ex reggiani.

La conferma, l’ennesima oramai, dell’impressionante crescita del 29enne. In Italia, con Varese, Reggio e Sassari era un lungo di livello, duttile, capace di dare una mano in tanti modi, ma da quando è passato al Baskonia il miglioramento nelle letture, nelle capacità di finire nel traffico, nel trovare il compagno libero e nell’adattarsi a ogni rivale è davvero notevole.

Polonara viene usato da 4 come da 5, non è un lungo da spalle a canestro ma fra attacchi frontali, tagli senza palla, buone percentuali dal perimetro e le consuete esplosioni sopra al ferro anche a rimbalzo offensivo - marchio di fabbrica ben noto a Reggio - sta garantendo sempre buona produzione. E in difesa questo suo sapersi adeguare è altrettanto efficace. D’altronde, oltre 25’ di media con Ivanovic non si ottengono, se dietro non si è affidabili.

Polonara è approdato al Baskonia nel 2019, ottenendo il via libera da Sassari a estate inoltrata. Nei primi mesi ha avuto un impiego relativo, progressivamente si è adattato e ha trovato spazio, con l’arrivo di Ivanovic poi l’esplosione. Nei playoff scudetto spagnoli è stato decisivo, infilando grandi prestazioni e giocate cruciali nei match che hanno portato i baschi alla vittoria in campionato. In estate, con l’addio della stella Shengelia, “Polonair” è diventato titolare fisso pur in un pacchetto lunghi pieno di ex Nba e future stelle.

I numeri stagionali raccontano tutto, e vanno parametrati appunto a una formazione che gioca per i piani alti sia in Eurolega sia in Liga ACB, il miglior torneo europeo. In coppa si parla di 29’ con 11.7 punti e 6.8 in 31 match disputati, in campionato di 25.2’ con 11.2 e 5.4 rimbalzi in 26 impegni, il tutto condito da percentuali stellari, soprattutto in Eurolega, dove viaggia con il 55.6% da due e il 45.8% da tre, e non su pochi tentativi: il totale dall’arco è 49/107. Solo applausi. —

A.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA