Del Rio nel segno della tradizione «Continuità con il passato»

il candidato/1

Uno dei candidati è Matteo Del Rio, 39 anni, con alle spalle una lunga esperienza nel mondo del basket sia a livello societario (a Castelnovo Monti) sia nella Fip Provinciale dove ha ricoperto negli ultimi otto anni il ruolo di vice presidente e negli ultimi due anche di collaboratore dell’ufficio gare provinciale.


«Ho deciso di candidarmi per mantenere una continuità con quanto fatto dalla Fip provinciale negli ultimi anni - spiega -. Ritengo che il presidente uscente Turni, abbia guidato il comitato con equilibrio e lungimiranza. Vorrei ripartire da lì, intervenendo sugli aspetti più trascurati o che non hanno funzionato a dovere. Mi aspetto forte collaborazione da parte dei club».

Quali sono i primi aspetti su cui vorrebbe intervenire?

«Il focus deve essere andare sui settori che hanno sofferto di più queste chiusure. E mi riferisco al settore giovanile e al minibasket. I ragazzi hanno bisogno di uscire, di ritornare a giocare, di stare in gruppo. Rappresentano il futuro del nostro movimento e hanno risentito parecchio di tutte le privazioni dell'ultimo anno. Per farlo penso all'utilizzo di luoghi non canonici, magari all’aperto, sfruttando il bel tempo che sta arrivando e che permette protocolli sanitari meno rigidi. Una cosa è certa: dovremo imparare a pensare ed agire fuori dagli schemi».

Cosa invece vorrebbe confermare di quanto fatto negli scorsi anni?

«Difficile fare il punto sulle attività da riproporre durante un'emergenza sanitaria come quella che stiamo vivendo. Quando torneremo alla normalità troveremo un mondo diverso da quello che ci siamo lasciati alle spalle».

Come si immagina i campionati? Si ripartirà?

«Me lo auguro. La competenza sulla ripartenza dei campionati è di carattere nazionale. Io farò il possibile affinché si riparta e lo si faccia nella massima sicurezza per tutti i nostri tesserati: dirigenti, atleti, arbitri ed ufficiali di campo».

Chi vorrebbe come consiglieri?

«Porterò persone di grande esperienza che conoscono bene le dinamiche del basket e le esigenze delle società. Ho pensato a Massimo Turni, il presidente di Correggio Davide Montanari, l’allenatore e dirigente di Bagnolo Stefano Giroldi e il vice presidente del Nubilaria Andrea Zarantonello».

Come immagina il rapporto con la Fip regionale ?

«Ho grande stima del presidente Galli e dei suoi collaboratori. Mi auguro che continui una positiva collaborazione». —

R.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA