Filippo Bologni convocato in Nazionale gareggerà per la Coppa del Mondo

ll ventisettenne cavaliere carabiniere farà parte della squadra azzurra che parteciperà a Goteborg alla Coppa del Mondo di salto a ostacoli, in programma dal 31 marzo al 5 aprile

CAMPAGNOLA EMILIA. È considerato uno dei cavalieri più promettenti del panorama nazionale. E sicuramente, per Filippo Bologni, 27 anni, figlio d’arte (il padre Arnaldo ha preso parte a due Olimpiadi, nel 1992 e nel 1996, e in bacheca ha la vittoria del Gran Premio di Roma, a piazza di Siena nel ’94) la convocazione in nazionale è il suggello di una carriera che è già luminosa pur essendo agli albori .

Nei giorni scorsi è arrivata per il cavaliere reggiano Filippo Bologni in forza all’Arma dei Carabinieri, la convocazione da parte del commissario tecnico della nazionale di salto ad ostacoli per partecipare - in sella a Quilazio - alla finale della Fei-World Cup che si disputerà in Svezia a Goteborg dal 31 marzo al 5 di aprile. Sei volte campione italiano Youngrider, a soli 27 anni Bologni vanta già 17 partecipazioni alla Coppa delle Nazioni con la nazionale italiana di salto, oltre a una medaglia di bronzo nel 2018 ai Giochi del mediterraneo a Terragona in Spagna.

«Questa convocazione mi rende molto felice- ha detto il cavaliere Bologni dopo avere appreso questa importante notizia- perché è il premio di tutto il lavoro che è stato fatto in questi anni sia a livello Youngrider che seniores. Rappresentare l’Italia in un concorso così importante è per me motivo di grande soddisfazione e cercherò di affrontarlo al meglio delle mie possibilità partecipando nel mese di marzo ai Concorsi internazionali di salto a ostacoli in programma ad Arezzo e a Cattolica».

Si tratta degli unici appuntamenti “sopravvissuti” alle restrizioni per contrastare il diffondersi della pandemia. «Da questo punto di vista - ha proseguito Filippo - sono alla pari con i miei concorrenti perché questa situazione ,purtroppo, è a livello mondiale e non solo europea».