Il Valorugby annienta il Colorno e ritrova il sorriso

Il tecnico rossonero Roberto Manghi

I rossoneri vincenti in trasferta per 6-37

REGGIO EMILIA. Tornano alla vittoria i rossoneri che ieri a Colorno hanno battuto i padroni di casa per 6 - 37.

I giocatori di Prestera reggono bene un tempo, arginando gli attacchi del Valorugby Emilia e chiudendo al 40’ sul 6 - 13. Nel secondo tuttavia sarà una debacle dei parmensi, costretti a cedere su ogni pallone sotto il rullo compressore rossonero. Neanche il sole contro e due infortuni importanti che costringono Falsaperla e Sanavia (quest’ultimo in barella) ad uscire dal campo riusciranno a fermare l’avanzata degli ospiti che tornano a casa col forziere pieno. Mantengono così la seconda posizione in classifica i Diavoli, avvicinandosi di una lunghezza alla vetta, ancora in mano a Rovigo. Scivola in casa di Mogliano il Calvisano che raccoglie solo un punto. Nei pronostici i tuttineri che annientano per 36 - 3 il Rugby Lyons. 

Partono subito forte i reggiani che, facendo bella mostra del pacchetto, riescono a sfondare al 5’ la difesa biancorossa. È Randisi a firmare l’azione di forza portando i compagni a più 7. I padroni di casa non ci stanno e, sfruttando un fallo avversario, riescono ad accorciare le distanze con il piede di Kearns. Da qui Colorno sarà sempre alla rincorsa del Valorugby Emilia, ma il divario non sarà mai colmato. I Diavoli risalgono il campo, ma vengono ben arginati dai padroni di casa che non lasciano spazio. Nella foga tuttavia non riescono a salvare l’acca che viene violata ben due volte da Farolini, il quale porterà il punteggio sul 3 - 13. A chiudere il primo tempo in percussione saranno tuttavia i parmensi che strappano un calcio dalla piazzola, sempre firmato da Kearns.

La seconda parte della gara riprende a gas aperto per i rossoneri che indomabili risalgono il campo. Gli avversari si chiudono in trincea, ma tentano ancora una volta di riagganciare il punteggio con il calciatore, anche se sarà un nulla di fatto. Gli atleti di Roberto Manghi invece sono incontenibili. Dopo una pausa di oltre 10 minuti per lo scontro tra Sanavia, Falsaperla ed alcuni giocatori di Colorno che vede uscire dal campo i due Diavoli, i tre quarti risalgono con decisione e velocità verso la zona rossa parmense. In men che non si dica Rodriguez serve Costella che, al limite del campo, trova la marcatura. 

La voglia di riscatto da parte del Valorugby Emilia però non è ancora appagata e fa tornare i reggiani all’attacco. I colornesi ci provano in tutti i modi ad arginare la calata rossonera, ma non ci sarà nulla da fare. Dopo l’ennesimo tentativo biancorosso, non troppo nelle regole, sarà addirittura lo stesso arbitro ad assegnare la meta di punizione al Valorugby Emilia e ad infliggere un cartellino giallo a Colorno. 

A questo punto il match prende una piega irrecuperabile per i padroni di casa che al 66’ incassano anche la quarta meta dell’incontro, ad opera di Anton Gatti. A 10 minuti dalla fine, sul 6 - 32 sembra che il match possa finire, ma entrambe le squadre dimostrano di non voler gettare la spugna fino al triplice fischio dell’arbitro. I primi sono ancora gli ospiti che con la mischia arano letteralmente gli avversari spingendo tutto il pacchetto oltre la linea di meta. Sarà infatti il mediano Bacchi a schiacciare l’ovale per la quinta marcatura. 

All’80’ provano a seguire l’esempio anche i biancorossi arrivando a sfiorare la meta d’orgoglio, ma l’ovale carambola tra le mani di Rodriguez che mette fine all’incontro. In queste azioni tuttavia si riassume una partita tra due squadre mai dome, due parti il cui obiettivo principale è la qualità dello sport.