Finisce in pareggio la gara d’esordio dell’Arag con l’Oikos Fossombrone

Giuseppe Orlandini

RUBIERA. Si conclude in parità il primo match dell’Arag: i rubieresi erano opposti ai neopromossi marchigiani della Oikos di Fossombrone.


Il team reggiano ha schierato la seguente formazione: Mussini-Ricci-Truzzi nella terna, Manuelli nella Individuale e le coppie Mussini-Ricci e Manuelli-Truzzi con Incerti e Brandoli a disposizione.

Il team della Oikos, invece è sceso in corsia con questa formazione: Grilli-Carbonari e Silvano Girolimini nella terna, Cappellacci nella Individuale e le coppie Cappellacci-Grilli e Girolimini Alex e Silvano cioè figlio e padre con ct Ansuini.

La direzione è stata affidata a Giovannini della Fib di Cremona.

Dopo un inizio favorevole ai marchigiani che si portavano sul 3-0 grazie ai set vinti Da Cappellacci a spese di Manuelli per 8-6 e 8-2 e il primo set delle terne vinto sul filo di lana per 8-7, il capitan Mussini suonava la carica e iniziava la rimonta reggiana con il secondo set di terna che si concludeva per 8-6 a favore del team reggiano.

Dopo l’intervallo scendevano in corsia le coppie e Mussini-Ricci e Manuelli-Truzzi con un doppio 8-0 e un set vinto 8-1 portavano il punteggio a favore della Rubierese per 4-3.

Nel set di coppia conclusivo alcuni errori di accosto della Rubierese ,consentivano alla Oikos di chiudere il set pe r 8-7 e di pareggiare con il risultato finale di 4 a 4 .

«Siamo partiti male - ha spiegato il capitano Mussini al termine della gara - ma poi siamo andati molto vicino al risultato pieno. Come primo match del campionato,un pareggio può andare bene».

L’Arag Rubiera, salvo rinvii a causa dell’emergenza sanitaria in corso, giocherà sabato a Perugia contro il team di casa dell’Aper nella seconda giornata della serie A della raffa. —

© RIPRODUZIONE RISERVATAA