Dal Montagna al debutto in A a 18 anni Brian Oddei del Sassuolo è stato vicino a indossare la maglia granata

REGGIO EMILIA. Diciotto settembre 2002. La data di nascita di Brian Oddei impressiona, se pensiamo che questo ragazzo domenica sera ha debuttato in serie A durante Juventus-Sassuolo sfiorando anche il gol, poco più che maggiorenne. Un predestinato, cresciuto a Maranello ma che ha toccato nel suo percorso di crescita anche il territorio reggiano. Oddei arriva in Italia a soli 11 anni insieme alla famiglia, che sceglie come residenza il paese della Ferrari. Qui il giovane comincia a muovere i suoi primi passi nella società di riferimento mettendo in mostra tutte le sue qualità, prima tra tutte la velocità. Il suo talento non passa certo inosservato ed infatti il Sassuolo lo acquista bruciando tutti sul tempo. Un piccolo grande rimpianto per la Reggiana, anche perché Oddei è stato davvero vicino a vestire la maglia granata grazie al sapiente lavoro dell’allora responsabile giovanile Davide Caprari; la trattativa poi non andò in porto e poco dopo arrivò il club neroverde. Il forte esterno d’attacco ha però militato anche nel Torneo della Montagna, giocando con la casacca del Talada categoria Giovanissimi. Non sono passati troppi anni ma di strada ne ha fatta, se domenica sera mister De Zerbi ha puntato su di lui quando il risultato era ancora fermo sull’1-1, a dimostrazione delle capacità dell’atleta italo-ghanese. Il suo futuro nel calcio professionistico appare radioso, per la soddisfazione di chi lo ha visto poco più che un bambino sui campi del nostro Appennino. —

N. V.


© RIPRODUZIONE RISERVATA