L’infermeria granata è piena Fuori anche Mazzocchi e Costa

Agli indisponibili Rozzio, Espeche e Rossi si sono aggiunti  anche il bomber e il difensore L’unico a tornare a disposizione di Max Alvini è Erlind Ajeti

Cristiana Filippini

REGGIO Emilia. Max Alvini si affida ancora una volta ai canali ufficiali della società per le dichiarazioni pre-partita del match che oggi vedrà i granata affrontare il Pescara. Poche chiacchiere, testa bassa e lavorare. Sembra questo il verbo dettato dal tecnico di Fucecchio.


«Non è il momento di fare tanti discorsi - taglia corto l'allenatore granata - questo è il momento di continuare a lavorare forte per migliorarci e per correggere il percorso che nelle ultime due partite si è interrotto». La necessità infatti proprio quella di riprendere il cammino là dove si era interrotto sia a livello di risultati che di prestazioni. «Siamo consapevoli che il campionato è molto equilibrato e che ogni match presenta delle insidie - prosegue Alvini - e spesso le partite sono decise da episodi». Urge quindi invertire la tendenza dell’ultimo periodo. «Noi però siamo determinati a continuare sul nostro percorso volendo fortemente invertire la rotta. Abbiamo fiducia perché siamo in piena corsa per l'obiettivo che ci siamo prefissati». Intanto anche per oggi non arrivano buone notizie dall'infermeria.

«Per quanto riguarda la formazione - conclude il tecnico - saranno fatte delle valutazioni anche in base alle condizioni dei ragazzi. Cerofolini è squalificato; Rozzio, Rossi ed Espeche continuano il percorso per rientrare in squadra mentre Costa e Mazzocchi hanno accusato dei fastidi in seguito alla trasferta di Pordenone». Cinque assenze (oltre a quella di Cerofolini) pesantissime e che arrivano in un momento delicatissimo. L’unico a tornare disponibile è Ajeti. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA