«Ci alleniamo con la paura che ci si possa fermare di nuovo»