Non solo il “Top 12” ma anche tanti giovani