Il team Puccetti Racing a Burinam in Thailandia per riscattarsi dopo l’esordio

REGGIO emilia. Dopo la gara d'esordio sul tracciato australiano di Phillip Island il Campionato Mondiale SBK e Supersport si sposta questo fine settimana sul Chang International Circuit di Burinam in Thailandia. Il team reggiano della Puccetti Racing dopo una partenza luci e ombre a causa di tante problematiche, prima tra tutte l’usura dei pneumatici cercherà di conquistare punti importanti per l’economia del campionato che rispetto agli anni passati sembra decisamente aperto a ogni soluzione.

Il nuovo regolamento con il cambio delle gomme ha cambiato decisamente le carte in tavola e in Australia a pagare è stato proprio il team di via Monti Urali.


La giovane promessa turca Toprak Razgatlioglu dopo aver chiuso gara 1 al sesto posto precedendo il mitico Tom Sykes che in questa stagione “cavalca” la rinnovata BMW in gara 2 è stato costretto al ritiro proprio perché non aveva più battistrada sufficiente nei pneumatici.

Chi sarà il favorito in Tailandia? Sulla carta la la Ducati che con con l’esordiente spagnolo Alvaro Bautista ha sbaragliato il campo nella gara inaugurale, ma il pilota di Toledo se la dovrà vedere con il campione del mondo in carica Jonathan Rea e con Melandri, Lowes, Michael Van der Mark Davies e Haslam con l'incognita Cortese il campione mondiale in carica della WorldsSP. La Puccetti Racing, dopo la delusione australiana, cercherà di rientrare nei giochi mondiali del Mondiale Supersport con la coppia Okubo-Mahias dopo il sesto posto del nipponico e il 12° del francese tra l'altro penalizzato dalla giuria. La classifica è guidata da una vecchia conoscenza quel Randy Krummenache che due stagioni or sono era alla guida di una Kawasaki della Puccetti Racing, mentre altri candidati alla vittoria sono Jules Cluzel, Federico Caricasulo e Hector Barberà. —

A.S.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI