Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mazza: «Buon test della Riese con il Rolo ma non esaltiamoci»

Rio SalicetoIl cammino della Riese è iniziato sotto buoni auspici: domenica i rossoneri della Bassa si sono fatti decisamente rispettare, contro un'avversaria di livello superiore.Sul campo di Rolo è...

Rio Saliceto

Il cammino della Riese è iniziato sotto buoni auspici: domenica i rossoneri della Bassa si sono fatti decisamente rispettare, contro un'avversaria di livello superiore.

Sul campo di Rolo è andato in scena il test con i padroni di casa, che si stanno preparando alla prossima Eccellenza: la formazione di mister Pellacani disputerà invece il girone B di Promozione, ma è comunque riuscita a impattare sul 2-2.

Un'amichevole di lusso, di cui Emanuele Mazza è stato tra i principali prota ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Rio Saliceto

Il cammino della Riese è iniziato sotto buoni auspici: domenica i rossoneri della Bassa si sono fatti decisamente rispettare, contro un'avversaria di livello superiore.

Sul campo di Rolo è andato in scena il test con i padroni di casa, che si stanno preparando alla prossima Eccellenza: la formazione di mister Pellacani disputerà invece il girone B di Promozione, ma è comunque riuscita a impattare sul 2-2.

Un'amichevole di lusso, di cui Emanuele Mazza è stato tra i principali protagonisti.

«Sono tornato con notevole entusiasmo - spiega il navigato centrocampista classe '84, che nella scorsa stagione era in forza alla Scandianese - per me la Riese è davvero una seconda famiglia, a cominciare dal presidente Bertazzoni: ora però arriva la parte più difficile».

Quali sono le difficoltà che vi aspettano?

«La nostra preparazione è iniziata il 6 agosto, e quindi in anticipo rispetto a quasi tutte le altre realtà di Promozione. Una scelta non certo casuale, visto che ci presentiamo con un gruppo fortemente rinnovato: bisogna quindi trovare un convincente amalgama tra le varie componenti dell’organico, ed è un'operazione che richiede tempo e calma».

Intanto avete iniziato con un risultato molto incoraggiante, non trova?

«Abbiamo sviluppato una forte efficienza difensiva, e inoltre siamo stati molto abili nel colpire a rete quando il Rolo ci ha concesso spiragli. Indicazioni confortanti, ma guai a montarsi la testa: stiamo solo parlando di amichevoli d'agosto, e la strada da fare rimane parecchia».

Con quale destinazione? Dove arriverà la Riese nel prossimo campionato?

«Ci attendono delle vere corazzate: parlo di Pieve Nonantola e Casalecchio, ma anche di Arcetana e Castellarano. La lotta nei piani elevati della graduatoria sarà affollata: per affrontarla serviranno nervi saldi, e un'imponente riserva di energie sia fisiche sia mentali. Penso comunque che il nostro organico sia ben attrezzato: l'obiettivo sta nel centrare un posto in quei play off che nelle ultime stagioni la Riese ha mancato per un soffio».

Sabato pomeriggio, dalle ore 17.30, ospiterete il Campagnola in un nuovo test precampionato: poi domenica 26 sarete a Fabbrico, per il turno inaugurale di Coppa Italia. A proposito di Coppa, quali saranno le prospettive rossonere?

«È una competizione che siamo ben lontani dal sottovalutare, e non solo perchè mette in palio l'ascesa diretta in Eccellenza: fare bene nei primi impegni ufficiali può darci un ottimo slancio per iniziare al meglio anche il campionato». —

N.R.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI