Conad battuta dalla bestia nera Spoleto 

Play off, la squadra di Dall’Olio sconfitta da primi tempi e battute dei padroni di casa. Ora bisogna pensare a gara 2 al Bigi 

SPOLETO (Pg) . La Conad lotta ma si arrende a una Monini Spoleto compatta e tagliente, sostenuta dal caloroso tifo della fossa gialloblu del PalaRota.
È questo lo spaccato di una gara 1 dei play off che ha una vincitrice indiscussa, la padrona di casa umbra, ma che ha messo in luce ottimi spunti anche nella metà campo giallorossa. La differenza l’hanno fatta la velocità dei primi tempi e il braccio pesante in battuta di Spoleto che hanno saputo mettere in difficoltà il muro e la seconda linea della Conad, confermando il gap già evidenziato dalla griglia di arrivo del Pool Promozione (che ha visto gli umbri terzi e i reggiani sesti). Con i Tricolore così combattivi, però, con una settimana di allenamenti in più sulle spalle tutto può cambiare: sabato 1 aprile al PalaBigi, ore 20.30, è attesa la rivincita di Kody e compagni, tutti i compagni. Difficile è infatti prevedere su chi cadrà il favore del coach Pupo Dall’Olio: partito con lo starting-seven standard che vede Soli al palleggio, Kody opposto, Silva e Dolfo in banda, Cargioli e Norbedo al centro e Morgese libero, in corso di gara 1 ha cambiato spesso tattica preferendo Rossatti a Silva in via definitiva dal secondo set, dopo una breve parentesi nel primo, e nel terzo set Beccaro a Soli, con il risultato di velocizzare il gioco e rilanciare i suoi verso il duello finale. Dentro anche Scaltriti a rafforzare la seconda linea al posto di Rossatti grazie alla regola degli under.
Il terzo set ha visto la Conad prendere subito il largo anche grazie alle iniziative personali di Beccaro che prima schiaccia la freeball del 4-7 e poi mura il 4-8. Il pareggio della Monini è arrivato soltanto sul 15-15 con muro su Cargioli e da lì ha avuto inizio un testa a testa che ha visto Kody protagonista sul finale, annullando anche il primo match-ball avversario.
Con due veloci in chiusura, Spoleto si è poi messa in tasca set e partita, proprio come aveva fatto nel primo parziale di gioco, dominato anche a causa dei frequenti errori in battuta giallorossi, e nel secondo, in cui la Conad ha trovato il pareggio sul 9-9 su fallo di posizione umbro lanciandosi poi all’inseguimento dopo un blackout che ha richiesto due tempi di Dall’Olio sul 15-12 e sul 17-12.
Il muro di Spoleto è ben piazzato ed efficace, mentre ad usare bene i video-check è la Conad che ne approfitta nel terzo set per effettuare il sorpasso lampo del 18-19 rilevando un tocco a muro prima sfuggito. Ora non resta che rimettersi al lavoro in vista di gara 2, ultima chiamata per i giallorossi per continuare a sognare il prosieguo della stagione verso la SuperLega con la certezza di potersi confrontare con Spoleto a testa alta.