«Vigili del fuoco straordinari: raccogliamo firme per aiutarli»

Dal condominio una petizione per supportare il personale del 115

Reggio Emilia «I vigili del fuoco non sono valorizzati come meritano».
Maria Nives Tincani risiede al civico 8/1 di via Niccolò Piccinni. La residente segue da tempo le azioni dei pompieri e osservarli dal vivo le dona una miscela di ammirazione e rabbia.

Il secondo sentimento non va inteso come cieca rassegnazione alle difficoltà in cui operano ai vigili del fuoco; al contrario, Tincani invita all’azione i concittadini e non soltanto.

«Il Comune non può fare di più per i vigili del fuoco? Deve essere lo Stato a dare loro più risorse?», domanda in modo incalzante l’abitante.

La residente osserva dall’esterno il proprio appartamento, poco distante dal luogo in cui s’è sprigionato l’incendio. Se non ci sono state conseguenze peggiori per le altre abitazioni il merito è dei vigili del fuoco.

«Sono sempre presenti in qualsiasi situazione – ribadisce Tincani –. Intervengono dagli incendi al recupero dei gatti incastrati. Hanno chiesto un mezzo nuovo e non è stato ancora dato loro. Mi chiedo come facciano a operare i soccorsi nelle condizioni di difficoltà in cui purtroppo si ritrovano».

La richiesta del nuovo mezzo fa riferimento all’appello lanciato il 9 giugno scorso dalla Funzione pubblica (Fp) della Cgil. «Siamo costretti a lavorare senza due mezzi di appoggio per noi essenziali, l’autoscala e l’autogrù – la fotografia scattata da Luca Incerti, delegato della Fp Cgil di Reggio Emilia –. I due mezzi hanno rotture meccaniche che ne pregiudicano il funzionamento e per la loro sistemazione sono previsti purtroppo costi molto alti e tempi lunghi».

Tincani ha letto l’appello pubblicato sulla Gazzetta di Reggio e ha maturato un’idea: lanciare una petizione.
«Vorrei raccogliere firme a favore dei vigili del fuoco – assicura la residente –. Ne discutevo già giovedì con mio figlio. Vogliamo sollecitare le istituzioni perché si diano una mossa e facciano qualcosa per farli lavorare al meglio. Ieri sono arrivati in dieci minuti. Il loro compito è utilissimo e tante volte rischiano la vita per gli altri».

Un riferimento ancora più recente rispetto all’appello targato Fp è il supporto alle operazioni di recupero tra i rifugi Battisti (Ventasso) e Segheria dell’Abetina Reale (Villa Minozzo), ai piedi del monte Cusna.
Nell’occasione, il personale del 115 proveniente dai distaccamenti di Reggio Emilia, di Castelnovo Monti e dal comando di Modena ha completato la rimozione dei relitti del mezzo partito dall’aeroporto di Capannori Tassignano (Lucca) e diretto a Castelminio di Resana (Treviso), il cui ultimo passaggio sui radar era stato registrato nell’Appennino modenese, a Pievepelago.

«Abbiamo una sola autoscala – la rivendicazione di Fabrizio Alberghini, referente territoriale Fns Cisl – e le autopompe sono vecchie e arrugginite».

Un motivo in più per raccogliere firme a supporto dei vigili del fuoco. I pompieri non lanciano appelli alla “Medaglia, medaglia, medaglia” di Muttley, iconico personaggio della serie di animazione “Wacky Races”.
Domandano di lavorare con dignità e Tincani li supporta di cuore: «Sono davvero persone utilissime». l
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA