A Reggio Emilia la scuola suona il rock

Singolo d’esordio per la This IIS Nobili Band, il gruppo ufficiale dell’istituto superiore. I docenti che hanno coordinato il progetto: «La musica aiuta a crescere e incontrarsi»

Reggio Emilia “Nessuno sa dove va cercando la sua meta…”. Inizia così, tra chitarra e sax, la prima canzone della This IIS Nobili Band, il gruppo dell’omonima scuola superiore che esordisce con un singolo da cantare e ricantare lasciandosi rapire dalla musica e dalle parole di giovani talenti in crescita. Epica e malinconia, senso di comunità e fatica di crescere: in “Perdersi ancora”, questo il titolo da cercare su YouTube, c’è questo e molto altro, c’è da perdersi, appunto, nel mare sconfinato di un’adolescenza fatta di partenze e ritorni, di amori e ricordi. 

“Tanto tu non puoi restare, te lo leggo negli occhi, sarà colpa dei venti e dei mari che devi ancora solcare” dice il ritornello mentre il video mostra le immagini del Nobili, storico istituto, tecnico e professionale, che unisce diverse anime, dall’Elettronica alla Meccanica alla Moda. La canzone scritta e realizzata nel progetto del Nobili nell’ambito dei Pon Inclusione e Disagio Sociale, a cura dei prof. Marco V. Ambrosi e Francesco Amato. Il brano è ispirato allo spettacolo “Ulisse Non Fre” curato dalla prof.ssa Fabiola Ganassi, anima della compagnia teatrale Calypso del Nobili stesso, con la regia di Marco Merzi di MaMiMò. L’occasione per la presentazione di “Perdersi ancora” è stata proprio la messa in scena della pièce al Piccolo Orologio.

Hanno suonato e partecipato al videoclip i ragazzi della This IIS Nobili Band: Marco Acocella, Jeremiah Adebayo, Maria Chiara Ameglio, Sabrina La Rocca e Fabiano Schianchi voci, Gabriela Chiriac flauto, Samanta Damiano, Radoslaw Pieronkiewicz e Melissa Sassi percussioni, Alessio Gasbarro sax, Matteo Grigoras chitarra elettrica e Gabriel Ursu chitarra acustica. Testo e musica sono scritti dagli stessi ragazzi della band che si sono poi recati da Gabriele Riccioni al Sonic Temple di Parma per la registrazione. Mixaggio e masterizzazione sono stati effettuati al Bunker di Rubiera. Regia, riprese e montaggio del videoclip sono di Lorenzo Menini e Paolo Pianezza. Un importante aiuto alla realizzazione del sogno della This IIS Nobili Band è stato dato da Fabrizio Cariati e la band Nuju. «La realizzazione è stata un’avventura corale ed emozionante – spiegano i prof. Ambrosi e Amato – ora su YouTube, dal 20 giugno sarà disponibile su Spotify e su tutte le piattaforme di musica in streaming. Un grazie va a tutta la squadra che ha seguito i lavori e in primis ai ragazzi, che hanno grandi talenti da coltivare in termini di canto, strumento e scrittura. La musica aiuta a crescere, a incontrarsi, a superare distanze che sembrano incolmabili, a sognare in grande».

© RIPRODUZIONE RISERVATA