Contenuto riservato agli abbonati

Tappa tutta reggiana sul Grande Fiume per Martina Bonucci

La moglie del calciatore con “Sulla stessa strada” porta qui il cammino benefico in favore della pediatria dell’ospedale di Torino

Guastalla. Ha toccato anche il tratto reggiano del Po, ieri, il progetto “Sulla stessa strada”, il cammino benefico che ha per protagonista Martina Maccari, moglie del difensore della Juventus e della nazionale Leonardo Bonucci. La “missione” è partita lo scorso primo maggio e si concluderà il 26 a Torino, con l’intento di raccogliere fondi per la Neurochirurgia pediatrica dell’ospedale Regina Margherita di Torino. La donna ha scelto di spendersi per questa causa visto che, proprio in quell’ospedale, il figlio Matteo fu salvato da una importante malattia. “Sulla stessa Strada” è un progetto di Nettare, canale editoriale lanciato un anno fa su Instagram: 26 giorni di cammino per percorrere 575 chilometri lungo il Po, passando per città come Ferrara, Parma, Pavia, e raccogliendo le esperienze, le vite e gli eventi lungo il tragitto.

Lunedì la comitiva è approdata in terra reggiana, nell’ambito della tappa Governolo-Guastalla. Il gruppo di cammino, composto da diverse persone, è stato caricato a Borgoforte (Mantova) sulle imbarcazioni dell’agenzia turistica di Boretto River Passion, ed è giunto al lido Po di Guastalla, dove ha alloggiato alla locanda dei Pontieri. Qui, la Maccari ha postato un video in diretta, spendendo parole d’elogio per l’esperienza – mai vissuta prima – che l’ha portata a stretto contatto con il fiume.


Ieri, la sindaca Camilla Verona e l’assessore al Turismo Ivan Pavesi hanno incontrato il gruppo di cammino per un breve saluto ai partecipanti, prima della partenza della nuova tappa, che li ha visti fare sosta poi a Boretto per il pranzo in un ristorante.

In questa fase del viaggio i gruppi che partecipano a ciascuna tappa sono abbastanza contenuti da favorire il dialogo con le persone che si incontrano, raccontare il senso di questa iniziativa nei luoghi attraversati e allo stesso tempo di godersi alcuni momenti di riflessione silenziosa immersione nella natura. Per sua stessa ammissione, come ha affermato nel suo video, questo cammino sta aiutando la Maccari “a ritrovare se stessa”. Tutti possono contribuire al progetto aderendo ad un itinerario completo, partecipando ad una singola tappa o effettuando una donazione tramite bonifico bancario intestato a Neuroland - Famiglie per il sostegno e la ricerca IT21 E03 0690 9606 1000 0018 4357.



© RIPRODUZIONE RISERVATA