È un “Real” Boretto, ribaltato il Sorbolo: da 3-2 al 90’ a 3-4

La capolista mantiene un punto sul Fabbrico. Battere la Scandianese-Casalgrandese vale l’Eccellenza

SORBOLO. Un finale a dir poco per cuori forti ha regalato tre punti d’oro al Boretto, che per coronare il sogno dell’Eccellenza dovrà battere domenica la Scandianese-Casalgrandese. Un match a più volti, che ha visto la formazione reggiana in vantaggio per 2-0 farsi poi rimontare e superare da un mai domo Sorbolo, per poi trovare in pieno recupero due zampate quando ormai tutto sembrava perduto. Il Boretto parte forte con una traversa di Ennamli dopo 8 minuti, e al 20’ passa in vantaggio con lo stesso Ennamli, che batte Ferrari con un tiro in diagonale all’incrocio.

Cinque minuti dopo il raddoppio, ancora con Ennamli che segna a incrociare con un tiro potente, ma al 28’ il Sorbolo la riapre con Scalea, che devia da sottomisura. Nella ripresa i locali trovano il pari all’11’ con una splendida conclusione da fuori di Vecchiettini, e al 29’ addirittura arriva il 3-2 con Rispoli, che batte un Bonini non esente da colpe.

Sembra tutto finito, ma il recupero cambia le carte in tavola. Al 47’ Gueye su corner segna di testa, e un minuto dopo Bozzolini ruba palla e serve a centro area Lorenzini che porta in estasi i biancazzurri. Nel finale, espulso Ouahero al 92’ e nervi tesi da ambo le parti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA