Incontro sulla Via Emilia Bis, Corsini: "Priorità per la Regione"

Presenti anche i sindaci di Reggio Emilia e Parma. Ribadita l’urgenza dell’opera per dare una risposta  ai centri di Cella, Cadè e Gaida 

REGGIO EMILIA. Si è svolto nei giorni scorsi un importante incontro interistituzionale promosso dai presidenti delle province di Reggio Emilia e di Parma (Zanni e Massari) cui hanno partecipato anche i sindaci Vecchi e Pizzarotti oltre che a tutti i sindaci dei comuni interessati dall’opera. A dare notizia dell’incontro sono Gianluca Cantergiani, capogruppo Pd in Consiglio comunale e Sara Paderni, segretaria del Circolo Pd Reggio 2.

Ha partecipato all’incontro l’assessore regionale alla mobilità Andrea Corsini che ha precisato che la Via Emilia Bis rappresenta per la nostra regione una priorità; per il programma Anas 2022-2026 la Regione indicherà tre varianti da realizzare vale a dire la variante Parma-Fidenza, la Parma-S.Ilario e per quanto riguarda il nostro territorio la variante Corte Tegge-Sant’Ilario.


Il sindaco Luca Vecchi – fa sapere Cantergiani – ha detto che quest’opera deve essere collocata nel contesto delle strategie infrastrutturali del paese. Presenti all’incontro anche tanti consiglieri comunali fra cui Fausto Castagnetti presidente della prima commissione “assetto e uso del territorio” di Reggio Emilia che ha ribadito l’urgenza dell’opera per dare una risposta ai centri abitati di Cella, Cadè e Gaida soffocati dall’eccessivo traffico anche pesante e che troppo spesso devono assistere a incidenti stradali alcuni dei quali anche mortali. Ha anche aggiunto che questa importante strada (che dovrà essere finanziata in toto da Anas) permetterà di riqualificare la Via Emilia storica, con la realizzazione di un trasporto pubblico in sede propria, efficiente e veloce, che permetterà proprio la riqualificazione urbana dei centri abitati, accompagnata dalla realizzazione della messa in sicurezza degli attraversamenti urbani e l’installazione di strumenti per la rilevazione della velocità nonché per il monitoraggio dell’aria sotto il segno della sostenibilità ambientale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA