Contenuto riservato agli abbonati

Nuova sfida per E80 con 80 assunzioni per il progetto Trays

 Il gruppo di Viano ottiene 1,9 milioni di fondi regionali: «Ascoltiamo a anticipiamo le necessità di mercato»

VIANO. Un piano di ricerca e sviluppo da 2,92 milioni per spingere la frontiera dell’automazione logistica oltre i limiti attuali, creando innovazione industriale, valore aggiunto nella filiera e lavoro nel territorio d’origine di una multinazionale italiana, una delle eccellenze nel campo dell’intralogistica: è Trays, progetto con cui E80 Group si è aggiudicato un contributo da 1,19 milioni dalla Regione nell’ambito del bando 2021 “Promozione degli investimenti per la ricerca in Emilia-Romagna”.

L’investimento riguarda lo studio e la realizzazione di un innovativo impianto di gestione e movimentazione sia di pallet di prodotto finito sia di prodotti singolarizzati, attraverso soluzioni di robotica in grado di garantire un elevato livello di efficienza e sicurezza. Il piano, in cui si inserisce il programma di ricerca, prevede l’assunzione di 80 nuove figure (di cui 39 laureati) entro fine 2023, cui è vincolato il finanziamento ottenuto dalla Regione, che ne ha riconosciuto l’interesse strategico.

E80 Group punta a realizzare una nuova famiglia di soluzioni Eagle Trays (Tridimensional Robotic Assortment Yard System), che in determinate condizioni sono in grado di automatizzare il picking multiforma e multidimensionale per stabilimenti di produttori e distributori di beni di largo consumo (per esempio alimentari, bevande, prodotti sanitari). Tale soluzione è costituita da carrelli automatici e unità robotiche, che attraverso pinze multipresa, sistemi di visione e interagendo con il software gestionale, potranno comporre e scomporre pallet di prodotti e colli disomogenei, soddisfacendo esigenze che i trend di mercato rendono sempre più specifiche.

«Come sempre siamo vicini ai nostri clienti, sempre attenti ad ascoltare e anticipare le necessità del mercato – spiega Vittorio Cavirani, vicepresidente di E80 Group – Il picking multiforma e multidimensionale è considerato uno dei più ambiziosi traguardi della logistica, con quote di mercato rilevanti e un incremento nel breve termine». Le assunzioni previste saranno a tempo indeterminato, per un costo annuo a regime di 3,5 milioni, e riguarderanno profili tecnici che si aggiungeranno a una popolazione di circa 1.040 dipendenti, generando un aumento occupazionale di 80 unità; figure professionali che vanno ad aggiungersi al piano di assunzioni che il Gruppo sta portando avanti a livello globale con incremento complessivo stimato almeno di 200 unità. La ricerca del personale punterà su risorse con una formazione in discipline scientifiche, specializzate in ingegneria meccatronica, informatica e gestionale, in grado di collaborare alla progressiva industrializzazione degli impianti di nuova generazione. Il luogo di lavoro sarà in Italia a Viano, Parma e provincia (Traversetolo).

«Eagle Trays è una soluzione innovativa, frutto dell’esperienza maturata dal nostro Gruppo in questi anni in diversi ambiti industriali», dichiara Alberto Lodini, R&D Manager & Logistic Product Manager di E80 Group.
Il progetto di ricerca vede la collaborazione del centro di ricerca “Food Supply Chain Center” dell’Università di Bologna e del dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” Unimore.

«Oltre a soddisfare una dichiarata necessità del mercato, il progetto introduce uno stimolo innovativo nella filiera della meccatronica, maggiore capacità competitiva al tessuto produttivo e distributivo, aumenta i fattori di sicurezza e sostenibilità negli stabilimenti, contribuendo a creare opportunità di impiego qualificato – conclude Enrico Grassi, presidente del Gruppo –. E80 Group dimostra ancora una volta come l’innovazione nel campo dell’automazione logistica si integri nei flussi produttivi e nei processi delle smart factory».
© RIPRODUZIONE RISERVATA