Contenuto riservato agli abbonati

Il consigliere De Lucia: «I Laghi di Reggio non devono essere venduti»

Si riaccende il dibattito in Sala del Tricolore: «Chi sono i compratori interessati e perché nessuno ha visto la perizia che decide di vendere 890 metri quadrati di proprietà del Comune a 305mila euro in una zona dove le stime di vendita sono molto più alte?»

REGGIO EMILIA. La decisione di vendere i Laghi di Reggio votata dalla sola maggioranza con l’approvazione di un emendamento in sede di discussione del bilancio comunale 2022-24 torna ad agitare la politica reggiana e in particolare il consigliere Dario De Lucia (Coalizione Civica). De Lucia con una nota torna sul tema: chiede di conoscere se esistono già degli acquirenti e sostiene che la stima del valore del bene e pari a 305mila euro è troppo bassa.

«Si tratta di una alienazione – scrive il consigliere – che ha scatenato parecchio dibattito in consiglio comunale nel quale l’operazione è stata sostenuta dal consigliere Giacomo Benassi (Più Europa). Secondo il quale “ci sarebbe da fare degli investimenti superiori al milione di euro per rimettere a posto 890 metri quadrati di area. Inoltre dopo un’analisi di mercato sono arrivate delle proposte di acquisto per quest’area».

Motivazioni che non hanno per nulla convinto De Lucia che denuncia come «in commissione consiliare e in consiglio la maggioranza non abbia parlato di questi elementi» e chiede di conoscere «chi sono i compratori interessati ai Laghi di Reggio di cui parla Benassi e perché nessuno ha visto la perizia che decide di vendere 890 metri quadrati di proprietà del Comune a 305mila euro in una zona dove le stime di vendita sono molto più alte».

Una prima risposta al consigliere De Lucia arriva con una nota del dirigente Patrimonio del Comune che spiega quali sono stati i parametri utilizzati per la stima del bene e sottolinea che «la stima definitiva come previsto dalle norme verrà effettuata in prossimità della pubblicazione del bando». Dalla stessa maggioranza consiliare che ha approvato la vendita si sottolinea inoltre, che le manifestazioni di interesse arrivate «non sono vincolanti» in quanto, come ha sostenuto anche l’assessore De Franco, «per la vendita dei Laghi di Reggio si procederà con bando pubblico». Infine la maggioranza rimarca che in occasione della decisione del consiglio comunale è stato approvato un emendamento nel quale si destinano «gran parte dei fondi derivanti dalla vendita alla manutenzione di scuole primarie e secondarie».



© RIPRODUZIONE RISERVATA