Fabbrico, si fa pagare 260 euro per sacchi di pellet che non spedisce: denunciato un 40enne

L'ennesima truffa online è stata scoperta dai carabinieri dopo la denuncia di una donna di 33 anni

FABBRICO. Un casertano di 40 anni è stato denunciato dai carabinieri di Fabbrico per truffa. Vendeva pellet online e dopo avere intascato i soldi spariva senza inviare la merce. Grazie a inserzioni esca piazzate online su siti di annunci in cui proponeva la vendita di sacchi di pellet, un utenza telefonica dove intavolare su WhatsApp la trattativa nonché una carta prepagata dove ricevere i soldi il 40enne metteva a segno le sue truffe. 
 
Le trattative correvano sull’applicativo WhatsApp e quando sulla carta prepagata giungevano i soldi della compravendita il gioco era fatto. Quando l'acquirente lamentava il ritardo l’astuto truffatore inizialmente tergiversava prendendo tempo per poi non dare risposte sparendo nel nulla. 
 
Il 40enne residente nella provincia di Caserta è stato identificato grazie alle indagini telematiche dei carabinieri della stazione di Fabbrico. La vittima, una 33enne abitante nel reggiano, dopo aver concordato modalità di pagamento e spedizione dei sacchi, aveva proceduto al pagamento del dovuto versando al venditore 260 euro. 
Con il passare del tempo non vedendosi recapitarsi i sacchi di pellet acquistati e dopo non essere riuscita a contattare il venditore, si è presentata ai carabinieri della stazione di Fabbrico formalizzando la denuncia. 
 
Dopo una serie di riscontri tra il numero di telefono associato all’inserzione e la carta prepagata dove erano confluiti i soldi, i carabinieri hanno individuato l’indagato che stato denunciato. Il procedimento, in fase di indagini preliminari, proseguirà per i consueti approfondimenti investigativi al fine di consentire al Giudice di verificare l'eventuale piena responsabilità dell'indagato.